i fatti di Cava
Gabrielloni guarisce la Cavese dal mal di trasferta

Sancataldese - Cavese: 2-4 | Reti: 7’ pt Gabrielloni (C), 12’ pt Gabrielloni (C), 25’ pt Ciarcià (C), 34’ pt Calafiore (S), 44’ pt Bruno (S), 29’ st Gabrielloni (C)

Primo successo esterno per la Cavese nel torneo 2016-17. Con una grande prestazione, gli aquilotti battono a domicilio la Sancataldese e tolgono finalmente quel malinconico “zero” dalla casellina dei punti collezionati lontano dal “Simonetta Lamberti”.

Protagonista indiscusso di giornata è Alessandro Gabrielloni, che porta a casa il pallone della partita grazie a un sontuoso hattrick, condito dal gol del parziale 0-3 realizzato da Ciarcià. Quest’ultimo ha preso in mano le redini del centrocampo, vista l’assenza di capitan Di Deo, bloccato dalla febbre. 

La Cavese ha ingranato da subito le marce alte, schiacciando nella sua metà campo la Sancataldese e arrivando fino allo 0-3. Punteggio ampio e meritato, che ha forse causato un leggero calo di concentrazione tra gli aquilotti, che hanno concesso alla Sancataldese di rimettersi in partita prima con Calafiore, poi con Bruno. 

Nell’intervallo il tecnico Longo s’è fatto sentire, prima di apportare qualche correttivo in corsa con gli ingressi di D’Ancora, D’Anna e Galullo in luogo rispettivamente di Alleruzzo, Golia e Bellante. La Sancataldese ha provato a riagguantare il pareggio, ma la tripletta di Gabrielloni alla mezz’ora ha definitivamente indirizzato l’inerzia del match in favore dei biancoblu.

A fine gara il tecnico Emilio Longo ha sottolineato il «perfetto approccio alla partita della Cavese. Nei primi 25 minuti abbiamo fatto tutto molto bene e avremmo potuto realizzare anche altre 2 reti; tuttavia, abbiamo abbassato l’intensità fino ai due gol della Sancataldese, che ci hanno dimostrato ancora una volta che in questo campionato non esistono squadre materasso. Queste sono partite in cui si può facilmente passare dal dominarle a perderle. Nell’intervallo ci siamo sistemati e nel secondo tempo abbiamo legittimato ulteriormente una vittoria secondo me sacrosanta, ottenuta contro una squadra che finora non aveva ancora perso in casa. La mole di occasioni da noi creati ci dice che è una vittoria sicuramente meritata e anche oggi abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione di essere una squadra che può fare benissimo con tutti, ma quando abbassa l’intensità può anche fare malissimo con tutti. Oggi abbiamo vinto, ma dobbiamo essere bravi a migliorare ciò che oggi non ha funzionato, così come dobbiamo conservare gli aspetti positivi delle gare che ci hanno visti sconfitti». 

Sull’assenza di capitan Di Deo il tecnico Longo tiene a sottolineare che «chi ha giocato si è fatto trovare pronto, offrendo un’ottima prestazione. La nostra politica è quella di lavorare sui presenti, senza guardare all’assenze. Un concetto di meritocrazia, secondo cui va in campo chi sta meglio in settimana. Abbiamo un organico che comprende atleti che possono tranquillamente alternarsi in campo senza che cambi la sostanza della squadra. E’ un elemento che magari mi può mettere in crisi nelle scelte, ma queste sono difficoltà che ogni allenatore vorrebbe sempre avere». 

Il dato statistico dice che in 6 turni di campionato, la Cavese ha mandato in campo 19 calciatori differenti, tutti con un minutaggio tutt’altro che minimo, «un’indicazione che conferma l’intercambiabilità dei calciatori a mia disposizione – ha aggiunto l’allenatore biancoblu –. La dimostrazione ennesima sta nel fatto che oggi Gabrielloni è tornato titolare ed è tornato a casa con 3 gol all’attivo. Lì davanti abbiamo due attaccanti complementari, con caratteristiche differenti tra loro, ma bravi ad alternarsi senza snaturare il nostro gioco. Questa “politica” di alternanza dovrà essere la nostra forza e solo chi si allinea potrà far bene».

Nota di chiusura inerente la classifica, con una Cavese agganciata al trenino di vetta dopo aver affrontato già gran parte delle formazioni della zona alta della graduatoria. Tuttavia Emilio Longo evita di guardarla, «perché è ancora presto, visto che siamo ancora alle primissime giornata. Un primo bilancio sarà possibile almeno a Natale. Per adesso, comunque, è evidente che sia un campionato abbastanza livellato, quindi il nostro compito è quello di guardare a noi stessi, lavorare e migliorarci senza andare a guardare in casa d’altri».

Nota stampa Cavese1919.it  

Serie D, girone I  
Risultati 6^ giornata 
   
Aversa NormannaSarnese1-1
Due TorriGragnano1-1
GelaIgea Virtus0-2
PalmeseGladiator2-1
PomiglianoCastrovillari2-1
RendeSersale0-0
Sicula LeonzioFrattese1-0
TurrisRoccella1-3
SancataldeseCavese2-4
   
   
Classifica  
   
Igea Virtus16 
Rende14 
Sicula Leonzio14 
Cavese12 
Pomigliano11 
Palmese10 
Aversa Normanna10 
Turris9 
Gela9 
Sancataldese8 
Gladiator7 
Frattese6 
Sarnese6 
Gragnano4 
Castrovillari3 
Roccella2 
Sersale1 
Due Torri-1 
   

 

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    


13^ edizione del presepe vivente nel borgo “Case Trezza” della frazione S. Anna di Cava de’ Tirreni (Sa). Tante sono le scene rappresentate con la partecipazione di circa 150 personaggi e vari animali. All’inizio del percorso si svolgono diverse scene recitate che rievocano ciò che è successo più di 2000 anni fa.


Amalfi e New York si intrecciano e diventano un tutt'uno musicale per la seconda serata della rassegna “Amalfi in jazz”. In piazza Duomo, all'ombra della suggestiva cattedrale di Sant'Andrea, il venerdì alle ore 22.30


E’ un evento diffuso a livello nazionale promosso da tutti i comuni appartenenti al brand “I borghi più belli d’Italia” che prevede la riscoperta di antichi miti e legende locali assieme alla rivisitazione di antiche usanze e tradizioni che rendono più che mai attrattiva e fascinosa l’Italia nascosta. Conca dei Marini racconta una propria antica legenda: le janare. 

«I volti di Dio. Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo», questo il filo conduttore che animerà il dibattito degli incontri della XXIV edizione di Positano 2016 Mare, sole e cultura, la rassegna letteraria presieduta da Aldo Grasso, che sarà ospitata a Positano dal 18 giugno al 15 luglio 2016. 


Il cavallo alato vola sul traguardo, dopo quattro anni l’equipaggio azzurro torna sul podio più alto: è il galeone di Amalfi a vincere, in casa, la 61a Regata storica delle antiche Repubbliche marinare italiane. La festa esplode alle 18.30 circa, in un nuovo avvincente Palio deciso negli ultimi 500 metri. Foto

Intercettati dalla sezione operativa navale della Guardia di finanza due pescherecci intenti ad eseguire attività di pesca illegale mediante l’uso di reti da posta derivanti: uno dei due pescherecci, in particolare, è stato sorpreso durante le operazioni di recupero di una rete da posta derivante del tipo cosiddetto “spadara”, della lunghezza di oltre 6 km.

Fortunato Della Monica è il nuovo sindaco di Cetara. La sua candidatura insieme alla lista “Cetara d’Amare” - composta da Angela Speranza, Luigi Carobene, Alfonso D’Emma, Daniele D’Elia, Domenico Di Crescenzo, Carolina Ramerino, Francesco Pappalardo, Luigi Massimo, Luigi Montesanto e Marco Marano - ha vinto le elezioni a Cetara con 1.180 voti a favore, contro i 185 dell’avversario Vincenzo Piscino, della lista “Democrazia per Cetara”.
 

Dopo tre secoli di abbandono, il primo giugno 2016 sarà inaugurato il Convento San Francesco, opera di grande pregio che risale al XII secolo e dove si dice abbia soggiornato San Francesco. Torna al popolo grazie all'amministrazione del Comune di Santa Marina, che ne ha voluto la riqualificazione. 

Il Parco archeologico di Paestum sta puntando ad una conoscenza sempre più ampia dei templi. Terminati gli interventi di messa in sicurezza, nei giorni 28 e 29 maggio, i visitatori potranno salire le gradinate del monumento che si annovera tra i templi maggiormente conservati dell'epoca greca.

Inaugurata a Cetara “Un’ancora per ricordare”, l’installazione in memoria dell’impegno di armatori e pescatori del settore tonniero. Il sindaco del piccolo borgo marinaro, vera perla della Costiera amalfitana, Secondo Squizzato, ha voluto così iniziare simbolicamente un percorso di rivalutazione della storia del paese legata alla pesca.

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54