i fatti di Cava
Cavese - Igea Virtus: 1-0, aquilotti a -3 con Gabrielloni e una gara in meno

Una superba e indomita Cavese supera per 1-0 al Simonetta Lamberti la capolista Igea Virtus, portandosi a soli tre punti di distanza e con la concreta possibilità di agganciarla vincendo mercoledì il recupero a Palmi Calabro. 

Partita maschia e di spessore quella giocata dagli aquilotti su un campo al limite della praticabilità e di fronte a circa 1500 spettatori che, sfidando la gelida giornata invernale, alla fine hanno festeggiato quasi alla stregua di una vittoria di campionato.

Mister Longo preferisce andare sul sicuro sia con il modulo che con l’undici iniziale, tenendo in panchina gli acquisti dell’ultima ora quali Uiliano e Celiento, salvo poi lanciare quest’ultimo nel secondo tempo nel tentativo di scardinare il fortino avversario.

La Cavese è scesa in campo quindi con la seguente formazione: Conti, Padovano, Loreto, Di Deo , Galullo, Riccio, Golia (12′ st Celiento), Ciarcià, Gabrielloni (38′ st Migliaccio), Rossi, Meloni (30′ st Giglio).

L’Igea Virtus, guidata da mister Pantè al posto dello squalificato Raffaele, ha schierato: Inferrera, Fontana, Dall’Oglio, Lanza (35′ st Crinò), Cozza, Cassaro, Postorino, Di Grazia (25′ st Mazzù), Lescano, Longo (15′ st Dioum), Isgrò.

La Cavese mostra subito i denti ai siciliani ed è Ciarcià poco dopo l’inizio del match a provarci con un tiro da fuori area che,però viene parato facilmente dal portiere ospite. Al 4’ Ciarcià serve Gabrielloni, il cui colpo di testa finisce di poco a lato. Al 12’ è ancora Ciarcià, oggi attivissimo, ad effettuare un cross per Gabrielloni, che non riesce ad arrivare sulla palla. Al 17’ Ciarcià, ancora lui, batte un calcio d’angolo in maniera così velenosa che un difensore ospite, colpendo di nuca, rischia di bucare la propria porta, ma è bravissimo il portiere siciliano a respingere miracolosamente. 

La Cavese continua a macinare gioco e al 28’ è Loreto a provarci di testa senza fortuna. Sette minuti più tardi è Golia a tentarci, dopo un bell’assist di Gabrielloni, ma il suo tiro non ha fortuna. Forcing finale del primo tempo da parte della Cavese e a due minuti dal termine, dopo un primo cross di Ciarcià, è dapprima Gabrielloni e poi Meloni ad essere anticipati dai difensori siciliani.

Il secondo tempo si presenta subito con lo stesso clichè del primo: Cavese in attacco e Igea pronto a colpire in contropiede. All’11’ Gabrielloni serve prontamente Meloni, che spara a botta sicura, ma è ancora bravo Inferrera a respingere la palla. Al 14’ episodio discusso in area siciliana: Meloni riesce a trovare lo spiraglio giusto in un’area intasatissima, ma una errata segnalazione del guardalinee induce l’arbitro ad annullare, scatenando le giuste proteste dei giocatori cavesi. Nonostante il campo di gioco, soprattutto sulle fasce laterali d’attacco della Cavese, sia ormai ridotto ad un vergognoso pantano, al 20’ Ciarcià con un lungo lancio pesca Meloni che con un bel tiro costringe Inferrera ad una parata in due tempi. Al 26’ l’Igea costruisce l’unica palla goal della partita con una rapida azione di contropiede che porta Postorino a presentarsi tutto solo in area di rigore, ma il suo tiro finisce altissimo.
Ecco quindi materializzarsi la spietata legge del calcio: goal fallito, goal subito e al 32’ la Cavese passa in vantaggio: Ciarcià batte una lunghissima punizione da centrocampo che Giglio colpisce di testa verso l’interno dell’area avversaria e dopo un altro colpo di testa di un difensore ospite la palla arriva sui piedi di Gabrielloni che con un perfetto diagonale sigla l’1-0 aquilotto. La Cavese continua a mantenere il pallino del gioco e dopo quattro minuti di recupero l’arbitro sigla la fine dell’incontro scatenando l’entusiasmo di tutti i presenti.

Settimana della verità ora per la Cavese che è attesa da una doppia trasferta:la prima mercoledì a Palmi Calabro contro una Palmese rigenerata dalla vittoria in trasferta contro la Frattese e la seconda domenica ad Aversa in un derby che già si preannuncia abbastanza caldo.

Angelo Canora 

Serie D, girone I   
Risultati 19^ giornata15/01/2017  
    
CastrovillariAversa Normanna1-1 
CaveseIgea Virtus1-0 
Due Torri -3ptTurris0-3 a tavolino
FratteseRende3-3 
GragnanoSancataldese2-0 
PomiglianoSicula Leonzio1-3 
RoccellaPalmese1-2 
SarneseGladiator1-1 
SersaleGelarinviata
    
    
Classifica   
    
Igea Virtus41  
Cavese38 una partita in meno 
Rende37  
Sicula Leonzio37  
Gela31  
Pomigliano29  
Gladiator28  
Turris27  
Palmese26 una partita in meno 
Sancataldese23  
Gladiator23  
Gragnano22  
Aversa Normanna22  
Sarnese18  
Roccella17  
Castrovillari13  
Due Torri -7pt5  
Sersale5  
    

 

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    


13^ edizione del presepe vivente nel borgo “Case Trezza” della frazione S. Anna di Cava de’ Tirreni (Sa). Tante sono le scene rappresentate con la partecipazione di circa 150 personaggi e vari animali. All’inizio del percorso si svolgono diverse scene recitate che rievocano ciò che è successo più di 2000 anni fa.


Amalfi e New York si intrecciano e diventano un tutt'uno musicale per la seconda serata della rassegna “Amalfi in jazz”. In piazza Duomo, all'ombra della suggestiva cattedrale di Sant'Andrea, il venerdì alle ore 22.30


E’ un evento diffuso a livello nazionale promosso da tutti i comuni appartenenti al brand “I borghi più belli d’Italia” che prevede la riscoperta di antichi miti e legende locali assieme alla rivisitazione di antiche usanze e tradizioni che rendono più che mai attrattiva e fascinosa l’Italia nascosta. Conca dei Marini racconta una propria antica legenda: le janare. 

«I volti di Dio. Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo», questo il filo conduttore che animerà il dibattito degli incontri della XXIV edizione di Positano 2016 Mare, sole e cultura, la rassegna letteraria presieduta da Aldo Grasso, che sarà ospitata a Positano dal 18 giugno al 15 luglio 2016. 


Il cavallo alato vola sul traguardo, dopo quattro anni l’equipaggio azzurro torna sul podio più alto: è il galeone di Amalfi a vincere, in casa, la 61a Regata storica delle antiche Repubbliche marinare italiane. La festa esplode alle 18.30 circa, in un nuovo avvincente Palio deciso negli ultimi 500 metri. Foto

Intercettati dalla sezione operativa navale della Guardia di finanza due pescherecci intenti ad eseguire attività di pesca illegale mediante l’uso di reti da posta derivanti: uno dei due pescherecci, in particolare, è stato sorpreso durante le operazioni di recupero di una rete da posta derivante del tipo cosiddetto “spadara”, della lunghezza di oltre 6 km.

Fortunato Della Monica è il nuovo sindaco di Cetara. La sua candidatura insieme alla lista “Cetara d’Amare” - composta da Angela Speranza, Luigi Carobene, Alfonso D’Emma, Daniele D’Elia, Domenico Di Crescenzo, Carolina Ramerino, Francesco Pappalardo, Luigi Massimo, Luigi Montesanto e Marco Marano - ha vinto le elezioni a Cetara con 1.180 voti a favore, contro i 185 dell’avversario Vincenzo Piscino, della lista “Democrazia per Cetara”.
 

Dopo tre secoli di abbandono, il primo giugno 2016 sarà inaugurato il Convento San Francesco, opera di grande pregio che risale al XII secolo e dove si dice abbia soggiornato San Francesco. Torna al popolo grazie all'amministrazione del Comune di Santa Marina, che ne ha voluto la riqualificazione. 

Il Parco archeologico di Paestum sta puntando ad una conoscenza sempre più ampia dei templi. Terminati gli interventi di messa in sicurezza, nei giorni 28 e 29 maggio, i visitatori potranno salire le gradinate del monumento che si annovera tra i templi maggiormente conservati dell'epoca greca.

Inaugurata a Cetara “Un’ancora per ricordare”, l’installazione in memoria dell’impegno di armatori e pescatori del settore tonniero. Il sindaco del piccolo borgo marinaro, vera perla della Costiera amalfitana, Secondo Squizzato, ha voluto così iniziare simbolicamente un percorso di rivalutazione della storia del paese legata alla pesca.

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54