i fatti di Cava
38ma “Disfida dei trombonieri”, week-end di fuoco e inizio della Settimana rinascimentale

Torna l’appuntamento con il grande folklore a Cava de’Tirreni. Sabato 7 e domenica 8 luglio, nell’ambito della “Settimana rinascimentale”, andrà in scena la 38ª “Disfida dei trombonieri - La Pergamena bianca”, organizzata dall’Associazione trombonieri, sbandieratori e cavalieri di Cava de’ Tirreni (Atsc), con il patrocinio della Regione Campania, della Provincia di Salerno, della città di Cava de’Tirreni, dell’Azienda di soggiorno e turismo di Cava de’ Tirreni, della Camera di Commercio di Salerno e del Centro commerciale naturale di Cava de’ Tirreni.
L’apertura del programma è prevista sabato 7 luglio, alle ore 19.00, in piazza Amabile, da dove partirà il Corteo storico per il corso porticato delle centinaia di figuranti dell’Atsc, che raggiungeranno piazza San Francesco (ore 21.00) per la Consegna del Cero pasquale alla comunità francescana e la Benedizione all’Armata Cavota. Successivamente il corteo “risalirà” il borgo per giungere in piazza Vittorio Emanuele III (meglio nota come piazza Duomo), ove i figuranti renderanno omaggio alla riproduzione della “Pergamena bianca”, custodita intatta a Palazzo di città.
Sarà solo un’anteprima dell’atteso spettacolo in cartellone domenica 8 luglio, a partire dalle ore 19.00, presso lo stadio “Simonetta Lamberti”, che sarà teatro di una nuova edizione della “Disfida dei trombonieri - La Pergamena bianca”, capace ogni anno di richiamare nell’impianto sportivo cittadino migliaia di spettatori. Gli otto Casali trombonieri dell’Atsc si cimenteranno in spettacolari coreografie ed appassionanti batterie di sparo con i pistoni per aggiudicarsi la riproduzione della “Pergamena bianca” ed il “Drappo della vittoria”, realizzato quest’anno dall’artista Ettore Senatore.

Caccia aperta al Casale Senatore, vincitore dell’edizione 2011, al quale daranno “battaglia” i Casali Borgo Scacciaventi-Croce, Monte Castello, SS. Sacramento, Filangieri, Sant’Anna, Sant’Anna all’Oliveto e Santa Maria del Rovo. L’ordine di sparo sarà sorteggiato sabato 7 luglio in piazza San Francesco, in occasione della Consegna del Cero pasquale alla comunità francescana.
La vittoria sarà assegnata da un’apposita giuria di sparo, presieduta da Carmine Apicella e composta da Raffaele Scala, Nicola De Cesare e Massimo Pellegrino, tutti membri del Tiro a segno nazionale di Cava de’Tirreni, che saranno coadiuvati per il controllo delle armi da Maurizio Senatore e Salvatore Pollice e per il riscontro dei tempi dai cronometristi del Centro sportivo italiano di Cava de’Tirreni.
Prevista pure l’assegnazione del trofeo “Città Fedelissima”, riservato al Casale maggiormente distintosi in tutta l’esecuzione della “Disfida” (coreografia, esecuzione tecnica, aspetto formale), che sarà assegnato da una giuria composta da Vittoriana Abate, giornalista Rai, Angelo Di Marino, direttore del quotidiano “La Città”, Antonio Abate, presidente dell’Unione stampa sportiva italiana (Ussi) di Salerno, ed Antonio Di Giovanni, presidente dell’Associazione giornalisti Cava-Costa d’Amalfi “Lucio Barone”.
Giurati di assoluto prestigio, quindi, per l’edizione n. 38 della “Disfida dei trombonieri”, che sarà ulteriormente nobilitata dalla presenza al “Simonetta Lamberti” dei vertici del Banco nazionale di prova delle Armi sito a Gardone Val Trompia (Bs), rappresentati dal direttore Antonio Girlando e dall’ing. Valter Piccoli, che nei mesi scorsi hanno dato l’ok finale all’operazione di “regolarizzazione” dei pistoni cavesi, consentendo così il perpetuarsi delle principali manifestazioni folkloristiche cittadine.
La serata sarà caratterizzata - spettacolo nello spettacolo - anche dalle esibizioni fuori gara de “I Cavalieri della Pergamena bianca” e degli “Sbandieratori Cavensi”, altri sodalizi folkloristici metelliani facenti parte dell’Associazione trombonieri, sbandieratori e cavalieri di Cava de’Tirreni.
Anche l’edizione 2012 della “Disfida dei trombonieri” sarà trasmessa in diretta tv dall’emittente salernitana Telecolore, visibile pure sul canale 826 del pacchetto Sky con collegamento satellitare in tutta Europa e Nord Africa.

Appuntamento, dunque, sabato 7 luglio lungo il Corso porticato metelliano e domenica 8 luglio allo stadio “Simonetta Lamberti” per un’intensa “due giorni” di folklore ed emozioni targate Atsc.
L’ingresso allo stadio “Lamberti” è libero. Per accedere alla tribuna coperta ai giornalisti sarà sufficiente esibire il tesserino di appartenenza all’Ordine dei giornalisti. Potranno invece accedere alla pista di atletica, presentando le proprie credenziali direttamente al varco presso la tribuna scoperta, solo i fotografi professionisti e quelli iscritti ad un club/associazione riconosciuto.
Foto 2012 
Foto 2011

Per info e contatti:
Associazione Trombonieri, Sbandieratori e Cavalieri di Cava de’ Tirreni, Corso Mazzini n. 8, Cava de’ Tirreni (Sa). Tel/fax: 089.465207; cell: 347.1251897. Sito web: www.atsc-cava.it; e-mail: info@atsc-cava.it

 
 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    


Presentato al Palazzo di città di Cava de' Tirreni, l'ultimo libro della prof.ssa Lucia Avigliano: "Passeggiate sulle orme di Paolina Craven" "gli itinerari d'ambiente" con una prefazione di Federico Guida.


L’obesità e il sovrappeso, dal punto di vista corporeo e metabolico, si presentano come condizioni caratterizzate dall’eccesso di grasso corporeo. Ma per comprendere queste patologie in maniera approfondita dobbiamo partire dal presupposto fondamentale che corpo e mente sono strettamente collegati, e quindi l’obesità e il sovrappeso vanno letti anche come condizioni in cui il cibo diventa un mezzo per gestire le emozioni problematiche, situazioni di disagio, insoddisfazioni personali, relazioni sociali, familiari e tutto ciò che risulta difficile da affrontare.


Solitamente quando si parla di “carenze nutrizionali” si immagina che siano una condizione tipica dei paesi del Terzo Mondo. Tuttavia questa associazione mentale è del tutto sbagliata: la “sideropenia” (deficit di ferro), è la più comune carenza nutrizionale ed è all’origine del 50% dei casi di anemia in tutto il mondo, quindi anche nei paesi industrializzati. "Da lunedì mi metto a dieta!", di Viviana Valtucci e Mario Russo, dietisti e nutrizionisti

Cari lettori, eccoci giunti in un periodo dell’anno molto bello e atteso da grandi e piccini: il Natale! Tutto intorno è luci, fiocchi, regali e spiritualità (o almeno per quest’ultima voce ce lo auguriamo). Ecco tante idee e spunti per rallegrare le tavole imbandite a festa con bellissime portate gustose e scenografiche, preparare dei segnaposti semplici e di effetto, e idee regalo di pietanze genuine “fai da te” per venire incontro alla crisi senza rinunciare allo scambio dei doni! di Viviana Valtucci e Mario Russo, dietisti e nutrizionisti


In uno studio recente condotto dalla Micol (Multicentrica italiana colelitiasi), su un campione di popolazione italiana di 30.000 soggetti, una persona su quattro soffre di calcoli alle vie biliari.
Anche volendo fare un’indagine su parenti e conoscenti vi accorgerete che la presenza di calcoli, soprattutto alla colecisti, è molto frequente. di Viviana Valtucci e Mario Russo, dietisti e nutrizionisti


Passione, competenza ed altruismo. Tre  semplici parole per definire una donna speciale: Beatrice Sparano, che vive il suo lavoro in biblioteca come una missione.  Una passione nata quasi per caso quando, da docente, a metà degli anni ’80, viveva a Iesi. Folgorata sulla “via di Damasco”, Beatrice scopre che la sua vita sarà indissolubilmente legata al mondo dell’archivistica e della paleografia. «Tornata a  Cava nel 1986 – racconta Beatrice - iniziai a lavorare nella biblioteca francescana con padre Serafino e, nel 1992, approdai alla biblioteca comunale di Cava de’ Tirreni». di Lara Adinolfi


Se pensate all’autunno quale piatto vi viene in mente e stuzzica il vostro palato? Per molti le temperature più basse che fanno capolino richiamano alla memoria le calde zuppe, che riscaldano con velocità e ci fanno ricordare scenari familiari e un senso di amorevole accoglienza. Le nostre zuppe preferite sono quelle preparate con i legumi, ed è proprio di questi spettacolari elisir di salute che oggi vogliamo parlarvi. Per anni i nostri avi ne hanno mangiato in grandi quantità in sostituzione dei più costosi carne e pesce, tanto che i legumi si sono meritati giustamente il soprannome di “carne dei poveri”. Ancora oggi i legumi rappresentano una validissima alternativa nella dieta di chi sceglie di intraprendere uno stile di vita vegetariano, proprio come sostituti di tutti i prodotti di origine animale, notoriamente ricchi di proteine. di Viviana Valtucci e Mario Russo (nella foto sopra: La farinata di ceci)


Molto spesso per strada, al bar, a casa di parenti ed amici, in ufficio o al supermercato ci fermiamo a parlare con altre persone e c’è un argomento che vince su tutti: il cibo. “Questo non lo posso mangiare” o “Da domani sono a dieta” o “Questo fa ingrassare” sono le frasi più comuni che sentiamo pronunciare. E non è raro che a queste frasi venga aggiunto: ho la glicemia un po’ alta oppure la pressione arteriosa un po’ alta oppure ancora devo allargare la mia cintura e fare un altro buco. E allora, cosa succede? Come mai soprattutto dopo aver superato l’età di 50-60 anni iniziano a sorgere queste difficoltà? Probabilmente si tratta della cosiddetta sindrome metabolica! Da lunedì mi metto a dieta! di Viviana Valtucci e Mario Russo


Ecco alcuni consigli a parenti e amici di persone che soffrono di un disturbo alimentare. Se proviamo a metterci nei panni di chi è a contatto tutti giorni con questa realtà in qualità di conoscente, amico, parente, non è difficile sentire sin da subito un grande peso: pur non essendo direttamente colpiti in prima persona, si soffre e si avverte l’ insopportabile macigno dell’”essere impotenti”, inadeguati, troppo piccoli di fronte ad un subdolo e potente disturbo. Il nostro primo consiglio è quello di non troncare mai la comunicazione con chi ha un disturbo alimentare o con chi pensate possa soffrirne: Da lunedì mi metto a dieta! di Viviana Valtucci e Mario Russo


Vi è mai capitato di svegliarvi durante la notte, di non riuscire ad addormentarvi e di alzarvi per mangiare. Questo tipo di comportamento è meglio noto come sindrome da alimentazione notturna. La sindrome da alimentazione notturna è l’associazione tra un disturbo del comportamento alimentare, un disturbo del sonno e un disturbo dell’umore. Ecco una guida semplice e utile alla comprensione della sindrome da alimentazione notturna che è una patologia molto complessa dalla quale non si guarisce in maniera spontanea e autonoma. Da lunedì mi metto a dieta! di Viviana Valtucci e Mario Russo

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share