Lo spazio visto da Cava
Il 20 luglio 1969 l'allunaggio di Neil Armstrong, il 20 luglio 2013 ecco la stessa Luna vista da Cava

Era il 20 luglio del 1969 quando il cronista Tito Stagno urlava "ha toccato, ha toccato". In quei precisi istanti l'Apollo 11 si posava sul suolo lunare con a bordo il comandante Neil Armstrong, primo astronauta a camminare sulla superficie del nostro satellite. Ancora oggi la Luna mantiene inalterato il suo fascino ed in questi giorni fa capolino, luminosissima, nel cielo notturno. La Luna è l'unico satellite naturale della Terra.

La faccia della Luna rivolta in direzione opposta alla Terra è nota anche con il nome di faccia lontana. A volte viene chiamata faccia oscura, il cui significato è qui inteso come sconosciuto e nascosto, si riferisce anche al black out delle comunicazioni radio, che avviene quando una sonda spaziale si muove dietro la faccia lontana. Questa interruzione delle comunicazioni è causata dalla massa della Luna che blocca i segnali radio. Il termine "faccia oscura" è spesso erroneamente interpretato come una mancanza di radiazioni solari, ma il Sole illumina la faccia lontana esattamente come quella rivolta verso di noi. La maggior parte della faccia lontana non può essere vista dalla Terra, perché la rivoluzione della Luna attorno alla Terra e la rotazione attorno al suo asse hanno lo stesso periodo, cioè la Luna è in rotazione sincrona con la Terra. Una piccola porzione può essere vista grazie alla librazione, che rende irregolare il moto di rotazione della Luna. Nel complesso dalla Terra è visibile circa il 59% della superficie lunare. La faccia visibile della Luna è coperta da circa 300 000 crateri (contando quelli con un diametro di almeno 1 km). Il cratere lunare più grande è il bacino Polo Sud-Aitken, che ha un diametro di circa 2 500 km, è profondo 13 km e occupa la parte meridionale della faccia nascosta. Dista dalla Terra 384.400 km ed ha un'età stimata di oltre 4,5 miliardi di anni ma, come precedentemente detto, mantiene inalterato il suo fascino ai nostri occhi! Per estensione il temine "luna" (con l'iniziale minuscola) viene associato anche come sinonimo di "satellite naturale" per i satelliti di altri pianeti. A tal proposito segnaliamo la notizia della scoperta di una nuova luna di Nettuno. E' il quattordicesimo satellite che orbita intorno al gigante blu del nostro sistema solare ed è stato individuato grazie al telescopio spaziale Hubble. Il piccolo corpo celeste, conosciuto con il nome temporaneo di S/20044 N1, misura non più di 19 chilometri di diametro e sembra essere sfuggito a ogni rilevazione fino a oggi a causa della sua luce debole e della sua orbita lontana, al di là delle zone degli anelli del pianeta note come archi. S/20044 N1 orbita tra la lune Larissa e Proteo, e gira attorno al pianeta una volta ogni 23 ore a una altitudine di 104.000 chilometri. Le origini di S/20044 N1 e di alcune delle altre piccole lune nei suoi dintorni è ancora un mistero. Secondo una delle teorie, Tritone, la più grande luna di Nettuno, potrebbe aver avuto qualcosa a che fare con la loro formazione. Si pensa infatti che Tritone - di dimensioni simili a quelle della Terra - possa essere stato un pianeta nano catturato gravitazionalmente da Nettuno e che, al suo arrivo, possa aver sconvolto l'originario sistema satellitare di Nettuno creando molte delle piccole lune che vediamo oggi.
L'immagine della Luna che potete vedere allegata all'articolo è stata scattata dal sottoscritto dal centro di Cava de' Tirreni nella notte tra il 19 e il 20 luglio usando una Canon 320d e un obiettivo da 300mm, con un tempo di posa di pochi decimi di secondo e una sensibilità di 400 iso.
Foto | Lo spazio visto da Cava  

Domenico Campeglia
dcampeglia@gmail.com

 
1. Giovanni
Veramente era il 69...Campegliaaaaaa!!!! Troppo vino fa male..............
20/07/2013 16:07    
2. CavaReporter.it
Giovanni hai ragione sulla data, grazie.
20/07/2013 16:44    
3. Giulia
All'epoca avevo dieci anni e ricordo vividamente quel pomeriggio prima dell'ammaraggio, noi bambini attaccati alla TV a vedere i vari film trasmessi dedicati all'evento tra cui "Dalla Terra alla Luna".Verso sera i genitori allestirono nella nostra cameretta una piccola sala con sedie per assistere insieme agli zii la straordinaria conquista......!!!!
20/07/2013 18:21    
4. Domenico Campeglia
Mi scuso per il refuso sulla data, probabile errore di battitura anche perchè sono astemio! Vi invito a contattarmi per chi volesse partecipare alla costituzione di una associazione di appassionati astrofili, la mail è dcampeglia@gmail.com
21/07/2013 10:40    
5. Giorgio
L'Apollo 11 non si è mai posato sul suolo lunare, magari l'Eagle...Campegliaaaaaaaa!!!!
21/07/2013 11:20    
6. CavaReporter.it
Grazie Giorgio. L'Apollo 11 fu la missione spaziale in generale, ma con qs termine dovrebbe essere inteso anche "Il modulo lunare Apollo o LEM (Lunar Excursion Module) o LM (Lunar Module)[4] è il lander della navicella spaziale Apollo utilizzato nell'ambito del programma spaziale americano Apollo per trasportare gli astronauti sulla superficie della Luna", (almeno dalla citazione di Wikipedia, poi Domenico sarà più preciso in merito, se vorrà specificare). E, sempre da Wikipedia, Eagle è il codice chiamata del modulo lunare (LM-5), e Columbia è il codice chiamata del modulo comando (CM 107). Cmq queste precisazioni dei lettori sono molto interessanti perchè ci riportano a rivivere meglio (per chi ha assistito in tv all'evento, e anche a chi lo ha appreso in seguito dai racconti e dagli speciali dei media), la cronaca di quei momenti storici.
21/07/2013 11:56    
7. Domenico Campeglia
E' un piacere leggere commenti, vuol dire che vi è interesse. Per convenzione viene indicato il nome della missione e non il nome dei singoli componenti tecnico - scientifici (sebbene anche questi abbiano un nome in codice). Detto questo continuate a seguire e spronare la discussione. Grazie!
22/07/2013 10:27    
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    

L’edificio ha destato grande interesse da parte degli archeologi, proprio per la sua posizione privilegiata rispetto al grande tempio greco a cui doveva collegarsi in relazione ai rituali che si svolgevano nel santuario meridionale.

Nuovi marciapiedi per il tratto di statale amalfitana a ponente della città. Un percorso che parte poco a monte del centro storico, in direzione Positano, molto amato dai turisti perché si affaccia sul panorama bellissimo dell'Antica Repubblica Marinara, del cuore antico della città abbracciato dal blu del Mar Tirreno.

Un’intensa giornata dedicata alla sfogliatella Santarosa e una prestigiosa giuria di eccellenza per la settima edizione del Santarosa Pastry Cup.


Amalfi e New York si intrecciano e diventano un tutt'uno musicale per la seconda serata della rassegna “Amalfi in jazz”. In piazza Duomo, all'ombra della suggestiva cattedrale di Sant'Andrea, il venerdì alle ore 22.30


E’ un evento diffuso a livello nazionale promosso da tutti i comuni appartenenti al brand “I borghi più belli d’Italia” che prevede la riscoperta di antichi miti e legende locali assieme alla rivisitazione di antiche usanze e tradizioni che rendono più che mai attrattiva e fascinosa l’Italia nascosta. Conca dei Marini racconta una propria antica legenda: le janare. 

«I volti di Dio. Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo», questo il filo conduttore che animerà il dibattito degli incontri della XXIV edizione di Positano 2016 Mare, sole e cultura, la rassegna letteraria presieduta da Aldo Grasso, che sarà ospitata a Positano dal 18 giugno al 15 luglio 2016. 


Il cavallo alato vola sul traguardo, dopo quattro anni l’equipaggio azzurro torna sul podio più alto: è il galeone di Amalfi a vincere, in casa, la 61a Regata storica delle antiche Repubbliche marinare italiane. La festa esplode alle 18.30 circa, in un nuovo avvincente Palio deciso negli ultimi 500 metri. Foto

Intercettati dalla sezione operativa navale della Guardia di finanza due pescherecci intenti ad eseguire attività di pesca illegale mediante l’uso di reti da posta derivanti: uno dei due pescherecci, in particolare, è stato sorpreso durante le operazioni di recupero di una rete da posta derivante del tipo cosiddetto “spadara”, della lunghezza di oltre 6 km.

Fortunato Della Monica è il nuovo sindaco di Cetara. La sua candidatura insieme alla lista “Cetara d’Amare” - composta da Angela Speranza, Luigi Carobene, Alfonso D’Emma, Daniele D’Elia, Domenico Di Crescenzo, Carolina Ramerino, Francesco Pappalardo, Luigi Massimo, Luigi Montesanto e Marco Marano - ha vinto le elezioni a Cetara con 1.180 voti a favore, contro i 185 dell’avversario Vincenzo Piscino, della lista “Democrazia per Cetara”.
 

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54