Lo spazio visto da Cava
Nel cielo di ottobre ecco Giove, ormai visibile all'orizzonte orientale prima di mezzanotte

Cari amici che con passione seguite la consueta rubrica sul cielo del mese eccoci giunti in ottobre, mese che ci fa salutare definitivamente le calde serate estive e in cui le luce del giorno si riduce in maniera sensibile, infatti nella notte tra il 26 e il 27 tornerà in vigore l'ora solare. Tra gli appuntamenti divulgativi non posso non segnalare “La notte della Luna”, giornata internazionale di osservazione del nostro satellite naturale. L'appuntamento, organizzato in Italia dall'Istituto nazionale di astrofisica in collaborazione con l'Unione astrofili italiani, è fissato per sabato 12 ottobre (vi darò maggiori informazioni nei prossimi giorni).

Per quel che riguarda l'osservabilità dei pianeti del nostro sistema solare segnaliamo che ormai Saturno (che sta scomparendo nel cielo serale) sta cedendo il passo a Giove ormai visibile all'orizzonte orientale prima di mezzanotte (a tal proposito allego una foto del gigante gassoso da me scattata proprio nel mese di ottobre dello scorso anno con uno strumento di appena 13 cm di diametro). Per le congiunzioni astrali ecco quelle del mese di ottobre. Luna – Marte: al mattino del 1° ottobre oltre ai due astri in congiunzione si può osservare, appena più in basso, anche Regolo (la stella più brillante della costellazione del Leone, distante dalla terra poco più di 79 anni luce); Luna – Saturno: il giorno 7 ultima opportunità per l’anno in corso per osservare Saturno di sera nei pressi della Luna, dunque evento da non perdere; Luna – Venere: la sera successiva, il giorno 8, la Luna crescente raggiunge e supera Venere; Luna – Pleiadi: nel corso delle prime ore della notte del 21 ottobre; Luna - Giove: intorno alla mezzanotte il pianeta brilla ad occidente tra la Luna calante e la coppia Castore e Polluce (nella costellazione dei Gemelli); Luna – Marte: al mattino del 30 ottobre. Cambiando argomento ci addentriamo nell'affascinante mondo delle comete. Tutti, appassionati di vecchia data e nuovi che si stanno avvicinando al mondo dell'astronomia, attendono l'arrivo della Ison, battezzata subito come la “Cometa del secolo” ma che, per ora, non sta rispettando in pieno le previsioni e bisognerà attendere ancora qualche settimana per capire se si assisterà ad uno spettacolo senza eguali oppure il piccolo corpo celeste verrà distrutto dal suo avvicinamento al Sole. La Ison per tutto ottobre sarà all’interno della costellazione del Leone, alta quasi una trentina di gradi sull’orizzonte al termine della notte astronomica. La sua luminosità dovrebbe variare dall’undicesima all’ottava magnitudine. Il giorno 25 transiterà nei pressi del terzetto di galassie Messier M95, M96 e M105. Il perielio, previsto il 28 novembre, si avvicina e l’attesa tra gli appassionati cresce. Come già scritto qualche riga più sopra l’andamento degli ultimi mesi ha gettato però un bel secchio di acqua gelata sugli entusiasmi di qualche mese fa. Davvero non resta che sperare in un colpo di… coda.
Foto e immagini | Lo spazio visto da Cava

Domenico Campeglia
dcampeglia@gmail.com

Pulsante "Donazione"

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    

Sono mamma di due figli ormai grandi. Ho appreso sabato scorso della terribile notizia della morte di una giovane donna 35enne di Giffoni Valle Piana, testimone di Geova, che durante la gravidanza ha scoperto purtroppo di avere un tumore aggressivo al seno. Un momento di gioia come l'arrivo di un bambino e subito dopo un momento di grande dolore e paura che ci mette di fronte a delle scelte non facili.

Aeroporto di Salerno, Piero De Luca (Pd): “Soddisfatti per la decisione del Consiglio di Stato, ora al lavoro per completare una infrastruttura strategica per il territorio”.


La Cina dopo il coronavirus: ristoranti e discoteche aperte. Perché in Italia non è così? | VIDEO - Le Iene

L’edificio ha destato grande interesse da parte degli archeologi, proprio per la sua posizione privilegiata rispetto al grande tempio greco a cui doveva collegarsi in relazione ai rituali che si svolgevano nel santuario meridionale.

Nuovi marciapiedi per il tratto di statale amalfitana a ponente della città. Un percorso che parte poco a monte del centro storico, in direzione Positano, molto amato dai turisti perché si affaccia sul panorama bellissimo dell'Antica Repubblica Marinara, del cuore antico della città abbracciato dal blu del Mar Tirreno.

Un’intensa giornata dedicata alla sfogliatella Santarosa e una prestigiosa giuria di eccellenza per la settima edizione del Santarosa Pastry Cup.


Non tutti gli amici sono clienti, ma tutti i nostri clienti lo sono diventati


Cava de'Tirreni vista verso Monte Finestra (Monte Pertuso) m. 1140, web cam ceramichecorinaldesi.com (da campaniameteo.it) Aggiorna Ingrandisci streaming 


• Segnala una notizia, Lettere alla Redazione, Segnala un problema 

• Inviateci le foto dei disservizi e dei problemi della vostra frazione, li porteremo all’attenzione pubblica 

• Segnalaci una barriera architettonica di Cava, e inviaci la foto dell'ostacolo



CavaReporter.it
Questa testata aderisce all’Associazione Giornalisti Cava Costa d’Amalfi “Lucio Barone”


Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54