Cava e dintorni
Amalfi vince la 61^ Regata storica delle Repubbliche marinare

Il cavallo alato vola sul traguardo, dopo quattro anni l’equipaggio azzurro torna sul podio più alto: è il galeone di Amalfi a vincere, in casa, la 61a Regata storica delle antiche Repubbliche marinare italiane. La festa esplode alle 18.30 circa, in un nuovo avvincente Palio deciso negli ultimi 500 metri. Alla partenza infatti, e fino alla boa dei 1.500 metri, era stata Pisa “la rossa” a dominare. Poi la volata finale dei vogatori azzurri, Emanuele Liuzzi, Luca Parlato, Fabio Infimo, Mario Paonessa ed i quattro amalfitani doc Alberto Bellogrado, Luigi Proto, i veterani Luigi Lucibello, Luigi Amendola, guidati dal timoniere Enrico D'Aniello. Un dream team preparato con grandi sforzi, tra gli impegni agonistici ufficiali degli atleti, dal direttore tecnico Giuseppe Ingenito e dall'allenatore Francesco Noio. Incontenibile la gioia per il successo condiviso con le riserve Angelo Carrano, Alfonso Spada e Gianluca Langella, lo staff tecnico composto da Angelo Ingenito, Giovanni Spada, Michele De Riso,  Michele Laudano e Geremia Apicella, gli atleti del Gozzo Rosario Agrillo, Vincenzo Bellogrado, Riccardo De Riso, Andrea Caianiello, Vittorio Pio Esposito.

Arriva seconda l’aquila imperiale del galeone rosso di Pisa, seguito a distanza dal Drago di Genova, il cui Galeone bianco si piazza in terza posizione. Non ruggisce, dopo tre anni di trionfi, il leone di San Marco: a sorpresa, il Galeone verde di Venezia taglia il traguardo per ultimo.

Salgono così a undici le vittorie di Amalfi che centra di nuovo l’obiettivo a quattro anni di distanza dall’ultimo trionfo, sempre nelle acque amiche. Una sfida bagnata dalla pioggia che non ha fermato il pubblico della Costiera accorso numeroso per seguire il Palio Remiero e che è esploso di gioia all’arrivo del galeone azzurro davanti a tutti.

Nella sfida preparatoria, la Gara dei Gozzi ha visto arrivare per primo l’equipaggio a quattro vogatori e un timoniere di Genova – maestri e inventori dell’imbarcazione - seguiti da Pisa, Amalfi e in coda Venezia, determinando così l’ordine di scelta delle corsie. Genova e Pisa hanno voluto optare per le corsie centrali mentre il team di casa ha scelto il corridoio di gara al largo, lasciando a Venezia il lato sotto costa.

Un susseguirsi di emozioni, l’una dopo l’altra, nella tre giorni che ha visto le quattro città ritrovarsi nella città Costiera. “La vittoria del Galeone amalfitano è la ciliegina sulla torta di un’edizione straordinaria – il commento a caldo di Daniele Milano, Sindaco di Amalfi e presidente del Comitato di Regata del 2016 - vince la nostra città ma soprattutto vincono i valori dell’evento, un esempio prezioso di unione, un messaggio di pace nel Mediterraneo. Con Genova, Pisa e Venezia, le nostre comunità si stringono compatte in una grande grande festa di sport, di storia e cultura che va oltre la gara. Ed è questo l’aspetto più importante dell’evento: un esempio di unione dell’Italia, da nord a sud, e un messaggio di pace che le nostre città, un tempo rivali nel Medioevo, sono in grado di rilanciare da custodi dei valori delle Repubbliche marinare, con l’orizzonte sempre aperto di fronte a loro. Un punto che al giorno d’oggi, con ciò che sta accadendo nel Mediterraneo, assume connotati sempre più importanti”.

Entusiasmo alle stelle in piazza Flavio Gioia nel corso della cerimonia di premiazione, al cospetto delle autorità, dei rappresentanti dei comitati e di sua eccellenza monsignore Orazio Soricelli arcivescovo di Amalfi-Cava, quando il team azzurro ha sollevato al cielo l’ambito trofeo in oro e argento realizzato dalla Scuola Orafa Fiorentina e raffigurante un galeone a remi sorretto da 4 ippocampi.  Colpita dal clima di festa la splendida madrina Madalina Ghenea. “Sono onorata di essere qua – ha detto emozionatissima – ringrazio il comitato organizzativo per l’accoglienza. Amalfi è splendida”.

Nel pomeriggio l’attrice ha potuto godere, insieme alle autorità presenti, anche dello spettacolo unico del Corteo storico - presentato con grandissima verve al pubblico dal giornalista Peppe Iannicelli – dalla terrazza dell’Hotel residence che, con la storica pasticceria Pansa di Amalfi, ha curato l’ospitalità nel segno del meglio dei sapori amalfitani.

Il gran finale in serata con la stella internazionale del jazz Danilo Rea accompagnato dalla suggestiva voce di Francesca Fusco in Piazza Municipio e lo spettacolo di fuochi pirotecnici sul Lungomare di Amalfi. La Regata, che si è svolta Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è stata realizzata con il supporto degli sponsor Pasta Antonio Amato e Volkswagen, sponsor tecnici Ferrarelle e NH Collection Hotels. Media partner ufficiale Radio Kiss Kiss.

Gilda Camaggio 
JaG communication - Agenzia di comunicazione di Salerno
 
Foto di Massimo Pica 

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    


13^ edizione del presepe vivente nel borgo “Case Trezza” della frazione S. Anna di Cava de’ Tirreni (Sa). Tante sono le scene rappresentate con la partecipazione di circa 150 personaggi e vari animali. All’inizio del percorso si svolgono diverse scene recitate che rievocano ciò che è successo più di 2000 anni fa.


Amalfi e New York si intrecciano e diventano un tutt'uno musicale per la seconda serata della rassegna “Amalfi in jazz”. In piazza Duomo, all'ombra della suggestiva cattedrale di Sant'Andrea, il venerdì alle ore 22.30


E’ un evento diffuso a livello nazionale promosso da tutti i comuni appartenenti al brand “I borghi più belli d’Italia” che prevede la riscoperta di antichi miti e legende locali assieme alla rivisitazione di antiche usanze e tradizioni che rendono più che mai attrattiva e fascinosa l’Italia nascosta. Conca dei Marini racconta una propria antica legenda: le janare. 

«I volti di Dio. Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo», questo il filo conduttore che animerà il dibattito degli incontri della XXIV edizione di Positano 2016 Mare, sole e cultura, la rassegna letteraria presieduta da Aldo Grasso, che sarà ospitata a Positano dal 18 giugno al 15 luglio 2016. 


Il cavallo alato vola sul traguardo, dopo quattro anni l’equipaggio azzurro torna sul podio più alto: è il galeone di Amalfi a vincere, in casa, la 61a Regata storica delle antiche Repubbliche marinare italiane. La festa esplode alle 18.30 circa, in un nuovo avvincente Palio deciso negli ultimi 500 metri. Foto

Intercettati dalla sezione operativa navale della Guardia di finanza due pescherecci intenti ad eseguire attività di pesca illegale mediante l’uso di reti da posta derivanti: uno dei due pescherecci, in particolare, è stato sorpreso durante le operazioni di recupero di una rete da posta derivante del tipo cosiddetto “spadara”, della lunghezza di oltre 6 km.

Fortunato Della Monica è il nuovo sindaco di Cetara. La sua candidatura insieme alla lista “Cetara d’Amare” - composta da Angela Speranza, Luigi Carobene, Alfonso D’Emma, Daniele D’Elia, Domenico Di Crescenzo, Carolina Ramerino, Francesco Pappalardo, Luigi Massimo, Luigi Montesanto e Marco Marano - ha vinto le elezioni a Cetara con 1.180 voti a favore, contro i 185 dell’avversario Vincenzo Piscino, della lista “Democrazia per Cetara”.
 

Dopo tre secoli di abbandono, il primo giugno 2016 sarà inaugurato il Convento San Francesco, opera di grande pregio che risale al XII secolo e dove si dice abbia soggiornato San Francesco. Torna al popolo grazie all'amministrazione del Comune di Santa Marina, che ne ha voluto la riqualificazione. 

Il Parco archeologico di Paestum sta puntando ad una conoscenza sempre più ampia dei templi. Terminati gli interventi di messa in sicurezza, nei giorni 28 e 29 maggio, i visitatori potranno salire le gradinate del monumento che si annovera tra i templi maggiormente conservati dell'epoca greca.

Inaugurata a Cetara “Un’ancora per ricordare”, l’installazione in memoria dell’impegno di armatori e pescatori del settore tonniero. Il sindaco del piccolo borgo marinaro, vera perla della Costiera amalfitana, Secondo Squizzato, ha voluto così iniziare simbolicamente un percorso di rivalutazione della storia del paese legata alla pesca.

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54