i fatti di Cava
Sottovia, aperte le rampe della discordia: dal Tengana nuovo svincolo per San Francesco

Stamattina, lunedì 13 novembre, alle ore 10.30, il sindaco Vincenzo Servalli, ha tagliato il nastro che ha inaugurato il nuovo viadotto San Francesco che collega la statale 18 all’altezza della località Tengana al nuovo viale Benedetto Gravagnuolo sul trincerone ferroviario. Ad impartire la benedizione s.e. l'arcivescovo mons. Orazio Soricelli. 

“Questa non è un’opera dell’amministrazione Servalli, né di altre amministrazioni, ma della città – afferma il sindaco Vincenzo Servalli - che finalmente può utilizzare una nuova strada fondamentale per decongestionare il traffico della ex statale 18. Abbiamo portato a termine una delle tante incompiute e proseguiremo in questa azione come abbiamo promesso ai cavesi, ma stiamo anche lavorando a livello regionale e nazionale per far si che quel sogno di tracciare una nuova arteria che bypassasse completamente il fondovalle liberando la città dal traffico e migliorando la qualità della vita e dell’ambiente si realizzi”. 

Nota comunale 

“Auguri Cava! (A tutti? Non lo sappiamo)”
Oggi che finalmente è stata aperta la bretella del trincerone, non vorremmo contribuire anche noi a guastare la festa all’amministrazione. Purtroppo ci ha già pensato il tempo, oggi davvero inclemente in una giornata che da tutti è stata definita, giustamente, di gioia per l’intera città di Cava.
Quindi facciamo in primo luogo le nostre felicitazioni a tutti coloro che hanno contribuito a raggiungere questo risultato: alle vecchie amministrazioni che con tenacia hanno perseguito l’obiettivo, e a questa, che come in molti altri casi, giunge al momento giusto per tagliare il nastro. Del resto, correttamente, nelle sue dichiarazione il sindaco ha dato atto che lo sforzo è stato lungo e corale, e che il successo di oggi è merito anche dello sforzo di tutti coloro lo hanno preceduto.
Proprio di tutti? Non lo sappiamo. I problemi che riguardano la bretella sono iniziati tanti anni fa a causa di una variante introdotta dall’amministrazione Gravagnuolo e che comportò il blocco dei lavori da parte della Sovrintendenza. I lavori sono rimasti fermi più di dieci anni, e, oltre al tempo perso, sono costati alla città un sacco di soldi per spese tecniche, revisione del progetto, mitigazione dell’impatto ambientale, ecc., spese che nessuno risarcirà. In quella giunta sedeva, come assessore, l’attuale sindaco, il quale quindi ha concorso alla tragedia della quale oggi festeggia la conclusione.
Non fa niente. Guardiamo avanti, il futuro è quello che conta.
Da oggi, la città ha un problema in meno e un’opportunità in più. Auguri e felicitazioni a tutti, comunque.

I “Responsabili per Cava” 

 
 

Pulsante "Donazione"

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    

Sono mamma di due figli ormai grandi. Ho appreso sabato scorso della terribile notizia della morte di una giovane donna 35enne di Giffoni Valle Piana, testimone di Geova, che durante la gravidanza ha scoperto purtroppo di avere un tumore aggressivo al seno. Un momento di gioia come l'arrivo di un bambino e subito dopo un momento di grande dolore e paura che ci mette di fronte a delle scelte non facili.

Aeroporto di Salerno, Piero De Luca (Pd): “Soddisfatti per la decisione del Consiglio di Stato, ora al lavoro per completare una infrastruttura strategica per il territorio”.


La Cina dopo il coronavirus: ristoranti e discoteche aperte. Perché in Italia non è così? | VIDEO - Le Iene

L’edificio ha destato grande interesse da parte degli archeologi, proprio per la sua posizione privilegiata rispetto al grande tempio greco a cui doveva collegarsi in relazione ai rituali che si svolgevano nel santuario meridionale.

Nuovi marciapiedi per il tratto di statale amalfitana a ponente della città. Un percorso che parte poco a monte del centro storico, in direzione Positano, molto amato dai turisti perché si affaccia sul panorama bellissimo dell'Antica Repubblica Marinara, del cuore antico della città abbracciato dal blu del Mar Tirreno.

Un’intensa giornata dedicata alla sfogliatella Santarosa e una prestigiosa giuria di eccellenza per la settima edizione del Santarosa Pastry Cup.


Non tutti gli amici sono clienti, ma tutti i nostri clienti lo sono diventati


Cava de'Tirreni vista verso Monte Finestra (Monte Pertuso) m. 1140, web cam ceramichecorinaldesi.com (da campaniameteo.it) Aggiorna Ingrandisci streaming 


• Segnala una notizia, Lettere alla Redazione, Segnala un problema 

• Inviateci le foto dei disservizi e dei problemi della vostra frazione, li porteremo all’attenzione pubblica 

• Segnalaci una barriera architettonica di Cava, e inviaci la foto dell'ostacolo



CavaReporter.it
Questa testata aderisce all’Associazione Giornalisti Cava Costa d’Amalfi “Lucio Barone”


Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54