i fatti di Cava
Intitolato il largo della Piccola Lourdes a don Salvatore e don Francesco Maria Polverino

“Un giusto riconoscimento, nel giorno della nascita di don Salvatore, per chi ha dato tanto in carità”. Così, Daniele Fasano, in occasione dell’intitolazione del “Largo don Salvatore e don Francesco Maria Polverino” alla Piccola Lourdes di Cava de’ Tirreni voluto da un comitato d’onore composto dal suo ideatore, il grand’ufficiale Salvatore Fasano, dal dottor Daniele Fasano, dal colonnello Carlo De Martino, da monsignor Osvaldo Masullo, da don Rosario Sessa, da Beatrice Sparano, da Francobruno Vitolo, dalla curia arcivescovile e dalle massime autorità ecclesiastiche e civili del territorio. 

In tanti hanno partecipato alla cerimonia. In particolare erano presenti monsignor Orazio Soricelli, arcivescovo dell’arcidiocesi di Amalfi-Cava, don Raffaele Castiglione superiore generale emerito, don Claudio De Caro provinciale per l’Italia, il sindaco metelliano Vincenzo Servalli, il comandante della tenenza dei Carabinieri di Cava de’ Tirreni, la Marina militare, la Polizia Locale, l’Unitalsi ed i pronipoti di don Salvatore. 

“Nella stesura del libro sulla toponomastica – aggiunge Daniele Fasano - ho chiesto a papà di don Salvatore e, in quel momento, nei suoi occhi ho visto una profonda devozione perché don Salvatore Polverino aveva lasciato un segno in lui”. “Oggi ho coronato un sogno – chiarisce Salvatore Fasano –. Ora però vorrei riportare in Italia i resti di due caduti che riposano nel Sacrario militare italiano di El Alamein in Egitto. Uno dei due è uno zio del colonnello Giuseppe Ferrara”.

“Oggi facciamo memoria di don Salvatore e don Francesco Maria Polverino – sottolinea don Rosario Sessa, rettore della Piccola Lourdes -. Chiedo, ufficialmente, a monsignor Soricelli, se possibile, di aprire un capitolo per portare i due fratelli all’attenzione della chiesa per una causa di beatificazione. Ci sono già tanti testimoni storici che ne hanno ottenuto benefici. Sono due sante persone”. Quindi, la benedizione delle “pietre viventi”, quanti si sono adoperati per la Piccola Lourdes. “I fratelli Polverino – annota monsignor Soricelli - hanno vissuto per anni all’Annunziata ed hanno lasciato un alone indelebile di spiritualità. Ci auguriamo che questo luogo sia sempre un’oasi di pace mariana dove i pellegrini possano avere la protezione della Madonna”. Commozione tra i presenti. “Ho conosciuto personalmente sia don Salvatore che don Ciccio – rivela don Raffaele Castiglione -. Dopo il beato fondatore don Giustino Fortunato, don Salvatore Polverino è stato il primo prete vocazionista. Lui stesso mi predisse che sarei diventato padre generale”. “Salvatore Fasano – evidenzia il sindaco Vincenzo Servalli – è il nostro maestro che ha voluto quest’iniziativa nel solco della memoria e del ricordo di due persone che hanno seminato amore e pace. E’ un riconoscimento doveroso, sentito e sincero”. “La mia vocazione sacerdotale è nata qui – conclude don Rosario -. Insieme ad un gruppo di giovani salernitani ne ho raccolto l’eredità spirituale. Ci sarà sempre bisogno della carità del cuore. I due fratelli sono stati anche ispiratori della Comunità Casa Nazareth. Le spoglie mortali di don Ciccio e don Salvatore riposano in una cappellina di una casa d’accoglienza”. Infine, a due passi dalla grotta, lo scoprimento delle targhe e la distribuzione, ai presenti, dei fazzoletti realizzati dai ragazzi di villa Alba in collaborazione con l’Unitalsi. 

L’addetto stampa
Lara Adinolfi

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    

Un’intensa giornata dedicata alla sfogliatella Santarosa e una prestigiosa giuria di eccellenza per la settima edizione del Santarosa Pastry Cup.


Amalfi e New York si intrecciano e diventano un tutt'uno musicale per la seconda serata della rassegna “Amalfi in jazz”. In piazza Duomo, all'ombra della suggestiva cattedrale di Sant'Andrea, il venerdì alle ore 22.30


E’ un evento diffuso a livello nazionale promosso da tutti i comuni appartenenti al brand “I borghi più belli d’Italia” che prevede la riscoperta di antichi miti e legende locali assieme alla rivisitazione di antiche usanze e tradizioni che rendono più che mai attrattiva e fascinosa l’Italia nascosta. Conca dei Marini racconta una propria antica legenda: le janare. 

«I volti di Dio. Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo», questo il filo conduttore che animerà il dibattito degli incontri della XXIV edizione di Positano 2016 Mare, sole e cultura, la rassegna letteraria presieduta da Aldo Grasso, che sarà ospitata a Positano dal 18 giugno al 15 luglio 2016. 


Il cavallo alato vola sul traguardo, dopo quattro anni l’equipaggio azzurro torna sul podio più alto: è il galeone di Amalfi a vincere, in casa, la 61a Regata storica delle antiche Repubbliche marinare italiane. La festa esplode alle 18.30 circa, in un nuovo avvincente Palio deciso negli ultimi 500 metri. Foto

Intercettati dalla sezione operativa navale della Guardia di finanza due pescherecci intenti ad eseguire attività di pesca illegale mediante l’uso di reti da posta derivanti: uno dei due pescherecci, in particolare, è stato sorpreso durante le operazioni di recupero di una rete da posta derivante del tipo cosiddetto “spadara”, della lunghezza di oltre 6 km.

Fortunato Della Monica è il nuovo sindaco di Cetara. La sua candidatura insieme alla lista “Cetara d’Amare” - composta da Angela Speranza, Luigi Carobene, Alfonso D’Emma, Daniele D’Elia, Domenico Di Crescenzo, Carolina Ramerino, Francesco Pappalardo, Luigi Massimo, Luigi Montesanto e Marco Marano - ha vinto le elezioni a Cetara con 1.180 voti a favore, contro i 185 dell’avversario Vincenzo Piscino, della lista “Democrazia per Cetara”.
 

Dopo tre secoli di abbandono, il primo giugno 2016 sarà inaugurato il Convento San Francesco, opera di grande pregio che risale al XII secolo e dove si dice abbia soggiornato San Francesco. Torna al popolo grazie all'amministrazione del Comune di Santa Marina, che ne ha voluto la riqualificazione. 

Il Parco archeologico di Paestum sta puntando ad una conoscenza sempre più ampia dei templi. Terminati gli interventi di messa in sicurezza, nei giorni 28 e 29 maggio, i visitatori potranno salire le gradinate del monumento che si annovera tra i templi maggiormente conservati dell'epoca greca.

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54