i fatti di Cava
“L’ospedale non si tocca”, timore per Rianimazione da Cava a Salerno

Un clima di paura e di precarietà. È questo che ci hanno consegnato. Altro che “Ospedale salvo”.
Tutti i cittadini cavesi nell’ultima campagna elettorale hanno assistito all’inutile diatriba su chi, tra Caldoro e De Luca (e di conseguenza i nostri primi cittadini nelle rispettive amministrazioni), abbia fatto di più e meglio per l’ospedale di Cava.
Sfilze di numeri a dimostrazione della propria tesi, un posto letto o due sul piatto della bilancia. Ma, più prosaicamente, la risposta è: nessuno dei due.
Neanche con la pandemia, nonostante gli annunci di fondi stratosferici per il nostro ospedale, possiamo stare sereni. Tutti d’accordo a dare degli “eroi” ai nostri medici, ma poi mancano infermieri, mancano anestesisti, mancano le condizioni minime di sicurezza e uno dopo l’altro vengono messi in discussione i reparti che restano attivi al momento. E la soluzione sarebbe spostare il reparto di Rianimazione al “Da Procida”, mascherando l’operazione dietro le necessità della gestione epidemiologica? Non è spostando un reparto di qua o di là che si risolvono le criticità del sistema sanitario alla base delle difficoltà di questi mesi. Ma adottando una più capillare presenza dei presidi, su ogni territorio, che si avvicina il servizio ai cittadini e ai loro bisogni. Con la scelta dello spostamento si farà soltanto un altro passo verso il baratro del nosocomio cavese.
La paura di perdere l’ospedale deve tenere tutti all’erta. Non dobbiamo abituarci all’idea di un servizio malmesso e precario. Se ci sono delle criticità sono i vertici aziendali a doverle risolvere, non i beneficiari del servizio.
Se qualcosa non funziona non è colpa dei lavoratori dell’ospedale o di chissà quale forza estranea alla realtà, è la governance aziendale sostenuta dai governi di centro-destra e di centro- sinistra e dalle loro politiche privatistiche che ha depauperato il servizio sui territori in nome del riassetto e del risparmio, come se quello alla salute non sia un diritto, e quindi - come tale - non una voce da “budgettizzare”.
Adesso il sindaco Servalli e De Luca diano risposte serie e non promesse da campagna elettorale, sbugiardate dai fatti. Non si trincerino dietro la lotta al Covid- 19.
L’Azienda si impegni a cambiare radicalmente questa ipotesi, che ridimensionerebbe in maniera drastica e irrimediabile l’ospedale di Cava de’ Tirreni.
Non ci sono altre soluzioni. L’ospedale deve restare aperto e potenziato.

Nota del Partito Comunista di Cava de’ Tirreni – Sez. “A. Gramsci”

Per questo sabato 17 ottobre saremo in piazza per informare i cittadini e discutere con loro di questa problematica. Sosteniamo i lavoratori dell’ospedale e non lasciamo calare il silenzio sul tema.

 

 

 

 

 

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    

Sono mamma di due figli ormai grandi. Ho appreso sabato scorso della terribile notizia della morte di una giovane donna 35enne di Giffoni Valle Piana, testimone di Geova, che durante la gravidanza ha scoperto purtroppo di avere un tumore aggressivo al seno. Un momento di gioia come l'arrivo di un bambino e subito dopo un momento di grande dolore e paura che ci mette di fronte a delle scelte non facili.

Aeroporto di Salerno, Piero De Luca (Pd): “Soddisfatti per la decisione del Consiglio di Stato, ora al lavoro per completare una infrastruttura strategica per il territorio”.


La Cina dopo il coronavirus: ristoranti e discoteche aperte. Perché in Italia non è così? | VIDEO - Le Iene

L’edificio ha destato grande interesse da parte degli archeologi, proprio per la sua posizione privilegiata rispetto al grande tempio greco a cui doveva collegarsi in relazione ai rituali che si svolgevano nel santuario meridionale.

Nuovi marciapiedi per il tratto di statale amalfitana a ponente della città. Un percorso che parte poco a monte del centro storico, in direzione Positano, molto amato dai turisti perché si affaccia sul panorama bellissimo dell'Antica Repubblica Marinara, del cuore antico della città abbracciato dal blu del Mar Tirreno.

Un’intensa giornata dedicata alla sfogliatella Santarosa e una prestigiosa giuria di eccellenza per la settima edizione del Santarosa Pastry Cup.


Non tutti gli amici sono clienti, ma tutti i nostri clienti lo sono diventati


Cava de'Tirreni vista verso Monte Finestra (Monte Pertuso) m. 1140, web cam ceramichecorinaldesi.com (da campaniameteo.it) Aggiorna Ingrandisci streaming 


• Segnala una notizia, Lettere alla Redazione, Segnala un problema 

• Inviateci le foto dei disservizi e dei problemi della vostra frazione, li porteremo all’attenzione pubblica 

• Segnalaci una barriera architettonica di Cava, e inviaci la foto dell'ostacolo



CavaReporter.it
Questa testata aderisce all’Associazione Giornalisti Cava Costa d’Amalfi “Lucio Barone”


Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54