i fatti di Cava
Manifattura Sigaro Toscano di Cava a rischio, allerta di FdI

Sigaro Toscano: un altro pezzo dell’economia cavese rischia di scomparire. L’Amministrazione comunale si allerti al più presto e ponga in essere un incontro con i vertici delle Manifatture Sigaro Toscano di Cava de' Tirreni.

Sembra purtroppo di assistere all’ennesimo canto del cigno dell’economia metelliana. Mi riferisco alla notizia giunta da Bruxelles che si è diffusa a Cava de’ Tirreni con la forza di una deflagrazione: la nuova Direttiva Tabacco all’esame della Commissione Europea che prevede la revisione delle norme in vigore dal 2014 colpirebbe al cuore proprio le Manifatture Sigaro Toscano di Cava de’ Tirreni col divieto di produrre sigari aromatizzati.

Lo stabilimento cittadino rischia addirittura di chiudere se passassero alcuni provvedimenti all’esame della Commissione Europea: oltre al divieto di produrre sigari aromatizzati anche l’aumento delle accise dai 15 euro attuali a 120 euro al chilo.

Pertanto chiedo, in qualità di consigliere comunale di Fratelli d’Italia, all’assessore alle Attività Produttive, Giovanni Del Vecchio, e al sindaco, Vincenzo Servalli, di fornire maggiori delucidazioni e chiarimenti in merito e, nel contempo, li invito formalmente e con urgenza a dare vita a un incontro tra i consiglieri comunali capigruppo e i vertici aziendali di MST di Cava.

L’opificio di Cava de’ Tirreni conta 110 addetti e poco meno di 2.000 indiretti ed è specializzato nei sigari aromatizzati che esporta per la quasi totalità della produzione. I toscanelli all’anice, al limoncello, alla grappa o il famosissimo Rosso al caffè sono il punto di forza dello stabilimento. Il 7 dicembre verrà presentato il nuovo testo per la revisione della direttiva accise e la Manifattura cavese, che è stata nel tempo una grande realtà produttiva nella storia cittadina, ora come non mai rischia seriamente di chiudere i battenti.

Il Consigliere comunale di FdI
Italo Giuseppe Cirielli

Responsabile Comunicazione
Fratelli d’Italia – Cava de’ Tirreni
Maria Silvestri

 

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    

È il “cadeau” più atteso del pacco gara riservato agli atleti: ecco la canotta (quest’anno di colore azzurro) della 60ª edizione della Podistica Internazionale San Lorenzo - Cava de' Tirreni, in calendario domenica 2 ottobre.
Consulta l’opuscolo per conoscere il programma, le novità e tutti i dettagli della storica manifestazione podistica metelliana.
Foto CavaReporter.it 

A vincere è l’atleta del Burundi Celestin Ndikumana (nr. 8), 20 anni, che prevale nella gara Assoluti aggiudicandosi il Trofeo Armando Di Mauro.
Tra le donne, la prima è la keniana Nancy Kerubo Kerage (nr. 216), 29 anni, che conquista il Trofeo Agnese Lodato nella gara femminile.
Gli altri vincitori di categoria sono: Kevin Giorgianni (nr. 354) negli Allievi, Lorenzo Di Giuseppe (nr. 192) nei Cadetti. Tra le società a primeggiare è l’Asd Carmax Camaldolese.
Tutti i risultati www.podisticasanlorenzo.com 
Aggiornamento a fine corsa del 02 ottobre 2022

I numero 10 sono fiori bellissimi che nascondono spine affilatissime e velenose. Fanno sognare ma fanno male. E si fanno male, tanto. Il numero 10 nasce folle, con un dono e con un sogno. leggi

Sono mamma di due figli ormai grandi. Ho appreso sabato scorso della terribile notizia della morte di una giovane donna 35enne di Giffoni Valle Piana, testimone di Geova, che durante la gravidanza ha scoperto purtroppo di avere un tumore aggressivo al seno. Un momento di gioia come l'arrivo di un bambino e subito dopo un momento di grande dolore e paura che ci mette di fronte a delle scelte non facili.

Aeroporto di Salerno, Piero De Luca (Pd): “Soddisfatti per la decisione del Consiglio di Stato, ora al lavoro per completare una infrastruttura strategica per il territorio”.


La Cina dopo il coronavirus: ristoranti e discoteche aperte. Perché in Italia non è così? | VIDEO - Le Iene

L’edificio ha destato grande interesse da parte degli archeologi, proprio per la sua posizione privilegiata rispetto al grande tempio greco a cui doveva collegarsi in relazione ai rituali che si svolgevano nel santuario meridionale.

Nuovi marciapiedi per il tratto di statale amalfitana a ponente della città. Un percorso che parte poco a monte del centro storico, in direzione Positano, molto amato dai turisti perché si affaccia sul panorama bellissimo dell'Antica Repubblica Marinara, del cuore antico della città abbracciato dal blu del Mar Tirreno.

 


Cava de'Tirreni vista verso Monte Finestra (Monte Pertuso) m. 1140, web cam ceramichecorinaldesi.com (da campaniameteo.it) Aggiorna Ingrandisci streaming 


• Segnala una notizia, Lettere alla Redazione, Segnala un problema 

• Inviateci le foto dei disservizi e dei problemi della vostra frazione, li porteremo all’attenzione pubblica 

• Segnalaci una barriera architettonica di Cava, e inviaci la foto dell'ostacolo



CavaReporter.it
Questa testata aderisce all’Associazione Giornalisti Cava Costa d’Amalfi “Lucio Barone”


Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54