Viaggio tra le eccellenze e le good news
Intervista a Luigi Ferrarese, presidente dell’associazione “Mani Amiche”

Nella vallata metelliana c’è un luogo in cui si incontrano solidarietà ed impegno sociale. È la culla della gratuità e della dedizione agli altri, dove ‘Mani Amiche’ sorreggono chi ne ha bisogno senza chiedere nulla in cambio.
Come nacque nel 1992 l’associazione onlus ‘Mani Amiche’?
«I soci fondatori tra cui Tommaso Avallone, Giacchino Senatore, Felice Scermino, Giuseppe Raimondi ed il professor Cosenza - rivela il neopresidente Luigi Ferrarese alla guida di ‘Mani Amiche’ da novembre 2011- fondarono quest’associazione per rispondere alle esigenze di trasporto degli infermi cavesi che non avevano la possibilità di sostenere le spese di spostamento verso l’ospedale cittadino ed i centri del territorio».
Com’è strutturata?
«C’è l’assemblea dei soci quindi un Consiglio d’amministrazione composto da me, dal vicepresidente Loredana Liguori, dal segretario generale Sergio Scuoppo, dal tesoriere Ugo Mughini e dal dirigente sanitario il dottor Piero Penza. Abbiamo un Collegio dei Revisori presieduto da Cristoforo Senatore ed un Consiglio di disciplina diretto da Lea Rispoli. Siamo iscritti al registro regionale del volontariato ed all’albo comunale delle associazioni».
Mani Amiche è un’associazione ‘non profit’, le cariche sono onorifiche e non è previsto nessun gettone di presenza né rimborso spese per gli amministratori…
«Esattamente. Non esiste un tariffario per i servizi espletati, anzi è severamente vietato agli operatori accettare qualsiasi contributo alla fine di ogni intervento. Viviamo delle offerte spontanee che ci vengono donate. Per finanziarci, oltre al 5 per mille, ci autotassiamo offrendo, oltre al nostro tempo libero, anche una piccola quota mensile per far fronte alle spese correnti. La cittadinanza apprezza tangibilmente il nostro operato». 
Quali servizi offre?
«Trasportiamo, a richiesta, i pazienti all’ospedale ed ai laboratori diagnostici, collaboriamo con l’Avis e con il 118. Effettuiamo un servizio di ‘pronto farmaco’ per consegnare i farmaci direttamente a casa di chi non ha la possibilità di spostarsi per comprarli direttamente. Prestiamo, in comodato gratuito, sedie a rotelle, stampelle, lettini antidecubito, girelli ed ogni sorta di presidi di nostra proprietà. Interveniamo a Cava de’Tirreni, nell’intera provincia e sul territorio nazionale. Proprio ieri abbiamo accompagnato un paziente a Brescia».
Qual è il vostro parco mezzi?
«Siamo dotati di due ambulanze attrezzate con barelle, ventilatore polmonare e defibrillatori acquistati con il contributo dei volontari, degli sponsor e della cittadinanza ed un’auto per la consegna a domicilio dei farmaci, comperata grazie al supporto degli enti pubblici locali».
Quando siete operativi?
«Dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle ore 20, sabato e domenica dalle ore 8 alle ore 21. Ad ogni turno è presente, in loco, il segretario, un equipaggio con il capo autista, un barelliere, un assistente ed un tirocinante».
La sede ubicata a corso Mazzini è di proprietà comunale?
«Beneficiamo dell’ospitalità del Comune e saremo felici di continuare ad avere quest’allocazione». 
L’associazione annovera una novantina di operatori. Come si diventa volontario di ‘Mani Amiche’?
«Frequentando un corso di formazione della durata di due mesi e mezzo in cui i discenti seguono, gratuitamente, le lezioni tenute dal dottor Piero Penza e dai medici specialisti svolgendo poi delle esercitazioni operative. Programmiamo corsi di questo tipo circa 3 volte l’anno al raggiungimento di 15 o 20 iscritti. I nostri operatori sono espressione delle diverse fasce d’età e delle più eterogenee categorie professionali ma sono accomunati da un’unica mission: dedicare gratuitamente il loro tempo agli altri».
‘Mani Amiche’ è una fucina di attività…
«Siamo sempre in azione. Ogni anno organizziamo una tombolata di solidarietà con il prezioso supporto dei commercianti che ci donano circa 150 premi. Siamo aperti al mondo dell’associazionismo. Due volte al mese ospitiamo l’Avis. Il prossimo appuntamento in agenda è fissato per domenica 26 febbraio quando, con le attrezzature della Croce Rossa Italiana, si raccoglierà il sangue dai donatori».
Tra pochi mesi l’associazione compirà 20 anni…
«A maggio festeggeremo questo traguardo con il premio ‘Antonio Lodato’ in memoria del nostro ex presidente, prematuramente scomparso. Ci saranno un concorso letterario ed un convegno sul volontariato».
Foto

Lara Adinolfi
(18/02/2012)

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    



Cava de'Tirreni vista verso Monte Finestra (Monte Pertuso) m. 1140, webcam ceramichecorinaldesi.com (da campaniameteo.it)
 Aggiorna Ingrandisci streaming

A partire da venerdì 7, fino a lunedì 9 settembre 2019, a Scala (Sa), il più antico Comune della Costiera amalfitana, si svolgerà la XVI edizione di “Scala incontra New York”, la rassegna culturale internazionale organizzata insieme alla Regione Campania.

L’edificio ha destato grande interesse da parte degli archeologi, proprio per la sua posizione privilegiata rispetto al grande tempio greco a cui doveva collegarsi in relazione ai rituali che si svolgevano nel santuario meridionale.

Nuovi marciapiedi per il tratto di statale amalfitana a ponente della città. Un percorso che parte poco a monte del centro storico, in direzione Positano, molto amato dai turisti perché si affaccia sul panorama bellissimo dell'Antica Repubblica Marinara, del cuore antico della città abbracciato dal blu del Mar Tirreno.

Un’intensa giornata dedicata alla sfogliatella Santarosa e una prestigiosa giuria di eccellenza per la settima edizione del Santarosa Pastry Cup.


Amalfi e New York si intrecciano e diventano un tutt'uno musicale per la seconda serata della rassegna “Amalfi in jazz”. In piazza Duomo, all'ombra della suggestiva cattedrale di Sant'Andrea, il venerdì alle ore 22.30


E’ un evento diffuso a livello nazionale promosso da tutti i comuni appartenenti al brand “I borghi più belli d’Italia” che prevede la riscoperta di antichi miti e legende locali assieme alla rivisitazione di antiche usanze e tradizioni che rendono più che mai attrattiva e fascinosa l’Italia nascosta. Conca dei Marini racconta una propria antica legenda: le janare. 

«I volti di Dio. Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo», questo il filo conduttore che animerà il dibattito degli incontri della XXIV edizione di Positano 2016 Mare, sole e cultura, la rassegna letteraria presieduta da Aldo Grasso, che sarà ospitata a Positano dal 18 giugno al 15 luglio 2016. 


Il cavallo alato vola sul traguardo, dopo quattro anni l’equipaggio azzurro torna sul podio più alto: è il galeone di Amalfi a vincere, in casa, la 61a Regata storica delle antiche Repubbliche marinare italiane. La festa esplode alle 18.30 circa, in un nuovo avvincente Palio deciso negli ultimi 500 metri. Foto

Intercettati dalla sezione operativa navale della Guardia di finanza due pescherecci intenti ad eseguire attività di pesca illegale mediante l’uso di reti da posta derivanti: uno dei due pescherecci, in particolare, è stato sorpreso durante le operazioni di recupero di una rete da posta derivante del tipo cosiddetto “spadara”, della lunghezza di oltre 6 km.

Fortunato Della Monica è il nuovo sindaco di Cetara. La sua candidatura insieme alla lista “Cetara d’Amare” - composta da Angela Speranza, Luigi Carobene, Alfonso D’Emma, Daniele D’Elia, Domenico Di Crescenzo, Carolina Ramerino, Francesco Pappalardo, Luigi Massimo, Luigi Montesanto e Marco Marano - ha vinto le elezioni a Cetara con 1.180 voti a favore, contro i 185 dell’avversario Vincenzo Piscino, della lista “Democrazia per Cetara”.
 

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54