Viaggio tra le eccellenze e le good news
Intervista all’artista Ettore Senatore

Ritrattista, pittore, decoratore, ceramista, costumista, illustratore. Ettore Senatore è un artista a tutto tondo che, con grande passione e creatività realizza, da circa cinquant’anni, le sue opere utilizzando molteplici tecniche. Le sue creazioni, partite dalla vallata metelliana, hanno raggiunto diversi luoghi del mondo.
Quando ha iniziato a dipingere?
“Ho sempre disegnato - ricorda Ettore Senatore -. Fin da bambino, osservavo mio padre Salvatore mentre realizzava le sue opere in quella che era, per me, ‘una vera e propria bottega d’arte’ come quelle di una volta. Ho imparato da lui e, successivamente, ho perfezionato la mia tecnica frequentando corsi di disegno e pittura”.
Dalla ceramica all’acciaio, dalle tele al gesso, lei ha utilizzato molteplici materiali e metodologie per creare le sue opere…
“Ho realizzato plastici e bozzetti pubblicitari, fatto illustrazioni, dipinto sulla stoffa, ideato serigrafie, restaurato statue ed affreschi. Ho creato un particolare procedimento per disegnare che prevedeva, tra le diverse fasi, l’ossidazione dell’acciaio, un trattamento con l’acido ed un passaggio con la satinatrice. Ho eseguito quadri ad olio, ad acquerello e a tempera”.
Molte sue creazioni, hanno travalicato i confini di Cava de’Tirreni e fatto conoscere il suo talento anche all’estero. La città metelliana ha la fortuna di conservare molte sue opere…
“La chiesa di Santa Lucia custodisce una mia rappresentazione della Santa ed un dipinto di Sant’Alfonso mentre scrive il suo famoso cantico. Nella cattedrale ci sono ‘S. Adiutore’ e ‘Cava città eucaristica’. Ho illustrato la copertina del calendario della Madonna dell’Olmo, ideato il ‘Manifesto del Festival delle Zampogne’ del 1989, creato l’opera ‘S. Francesco il Principe dell’Umiltà’. Nel 1999 ho dipinto ‘la porta di S. Lucia’ in occasione dell’anniversario per i 200 anni dall’omonima battaglia. Ho rappresentato molti scorci cavesi ed ho sempre illustrato, con i miei disegni, i biglietti della lotteria di Montecastello. Ho ideato la bandiera degli Sbandieratori ‘Città Regia’, la bandiera per la squadra dei ‘Trombonieri Senatore’, il gonfalone dell’‘Associazione Trombonieri, Sbandieratori e Cavalieri’, il gonfalone della città di Conca dei Marini e due quadri da assegnare al vincitore della disfida. Ho anche creato decori per mattonelle e costumi spaziali per una sfilata di moda in collaborazione con il sarto Nicola De Santis”.
Lei ha preso parte a più di cento collettive in tutta Italia ed avuto numerosi riconoscimenti…
“Dal 1966, per alcuni anni, partecipai al concorso vignettistico indetto dal ‘Giornalino di Pappagone’ e mi furono conferiti più volte il primo ed il secondo premio. Da allora, le mie opere sono state premiate a Cava de’Tirreni e nelle diverse città campane”.
Quali sono i suoi soggetti preferiti?
“Mi piace la pittura classica. In particolare, adoro dipingere paesaggi naturali, ritratti e nature morte. Prediligo disegnare in primavera per le sue luci e colori. Quando devo dipingere un quadro a tema paesaggistico vado sul posto, tratteggio un bozzetto con macchie di colori e poi lavoro in studio”.
Quanto tempo impiega per completare una sua creazione?
“Alcuni quadri mi impegnano anche 2 o 3 giorni, altri fino a due mesi”.
L’affresco della Cappella di Monte Castello è l’opera di maggiori dimensioni che abbia mai realizzato?
“Si. Seguita dal ‘Gesù Misericordioso’ che misura 2.50 metri x 1.20,  ‘S. Alfonso nella realizzazione del Tu Scendi dalle Stelle’ con 1.80 metri x 1.20 ed il ‘S. Adiutore’ al Duomo con 1.70 x 1.10 metri”.
A quale quadro è più legato?
“Sono molto affezionato al quadro di “S. Adiutore” conservato al Duomo di Cava de’ Tirreni, al “Gesù Misericordioso” che sarà esposto nella chiesa di S. Francesco ed al “Gesù il giorno dopo il sabato” la cui immagine è stata pubblicata su diverse riviste religiose”.
Quali sono i suoi progetti in corso?
“Sto lavorando al panno per la festa di Montecastello che sarà allocato, in gigantografia, nella frazione Annunziata”.
Cosa la spinge a creare?
“Un’innata esigenza interiore ed una forte passione che, con naturalezza, mi prendono per mano, traducendo così in segni e colori la mia interiorità”.
Foto

Lara Adinolfi
(28/02/2012)

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    

A partire da venerdì 7, fino a lunedì 9 settembre 2019, a Scala (Sa), il più antico Comune della Costiera amalfitana, si svolgerà la XVI edizione di “Scala incontra New York”, la rassegna culturale internazionale organizzata insieme alla Regione Campania.

L’edificio ha destato grande interesse da parte degli archeologi, proprio per la sua posizione privilegiata rispetto al grande tempio greco a cui doveva collegarsi in relazione ai rituali che si svolgevano nel santuario meridionale.

Nuovi marciapiedi per il tratto di statale amalfitana a ponente della città. Un percorso che parte poco a monte del centro storico, in direzione Positano, molto amato dai turisti perché si affaccia sul panorama bellissimo dell'Antica Repubblica Marinara, del cuore antico della città abbracciato dal blu del Mar Tirreno.

Un’intensa giornata dedicata alla sfogliatella Santarosa e una prestigiosa giuria di eccellenza per la settima edizione del Santarosa Pastry Cup.

Amalfi e New York si intrecciano e diventano un tutt'uno musicale per la seconda serata della rassegna “Amalfi in jazz”. In piazza Duomo, all'ombra della suggestiva cattedrale di Sant'Andrea, il venerdì alle ore 22.30

E’ un evento diffuso a livello nazionale promosso da tutti i comuni appartenenti al brand “I borghi più belli d’Italia” che prevede la riscoperta di antichi miti e legende locali assieme alla rivisitazione di antiche usanze e tradizioni che rendono più che mai attrattiva e fascinosa l’Italia nascosta. Conca dei Marini racconta una propria antica legenda: le janare. 

«I volti di Dio. Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo», questo il filo conduttore che animerà il dibattito degli incontri della XXIV edizione di Positano 2016 Mare, sole e cultura, la rassegna letteraria presieduta da Aldo Grasso, che sarà ospitata a Positano dal 18 giugno al 15 luglio 2016. 

Il cavallo alato vola sul traguardo, dopo quattro anni l’equipaggio azzurro torna sul podio più alto: è il galeone di Amalfi a vincere, in casa, la 61a Regata storica delle antiche Repubbliche marinare italiane. La festa esplode alle 18.30 circa, in un nuovo avvincente Palio deciso negli ultimi 500 metri. Foto

Intercettati dalla sezione operativa navale della Guardia di finanza due pescherecci intenti ad eseguire attività di pesca illegale mediante l’uso di reti da posta derivanti: uno dei due pescherecci, in particolare, è stato sorpreso durante le operazioni di recupero di una rete da posta derivante del tipo cosiddetto “spadara”, della lunghezza di oltre 6 km.

Fortunato Della Monica è il nuovo sindaco di Cetara. La sua candidatura insieme alla lista “Cetara d’Amare” - composta da Angela Speranza, Luigi Carobene, Alfonso D’Emma, Daniele D’Elia, Domenico Di Crescenzo, Carolina Ramerino, Francesco Pappalardo, Luigi Massimo, Luigi Montesanto e Marco Marano - ha vinto le elezioni a Cetara con 1.180 voti a favore, contro i 185 dell’avversario Vincenzo Piscino, della lista “Democrazia per Cetara”.

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54