Viaggio tra le eccellenze e le good news
Andiamo a Castagneto a conoscere l’associazione "Il Tiglio”

Il volontariato, lo stare insieme e la riscoperta delle tradizioni. E’ questo il mix vincente alla base del successo delle attività de “Il Tiglio” di Castagneto, un’associazione culturale presieduta da Gianluca D’Antonio che illumina, con le sue molteplici attività, la verdeggiante collina metelliana, divenendo un importante punto di incontro e di riferimento per questa piccola ma interessante realtà frazionale di Cava de’Tirreni. Un’associazione che valorizza l’apporto di ciascun individuo, indipendente dall’età, dal ceto e dalla cultura, perché il talento di ognuno sia il tesoro di tutti, ricreando così, nel terzo millennio, la genuinità dei rapporti interpersonali ed i valori di coesione sociale di questo ameno villaggio cavese.
Quando è nato “Il Tiglio”?
«Erano gli anni novanta - ricorda Gianluca D’Antonio - quando, con un gruppo di amici, pensammo di creare un’associazione che, formalizzammo, di fatto, legalmente solo nel 2002. Io fui il primo presidente quindi, l’associazione fu presieduta da Pasquale Senatore e nuovamente da me».
Come si svolge la vita associativa?
«Ci riuniamo una volta a settimana, il giovedì sera alle 20.30 nella sede in via Sabato D'Ursi, 1. Ogni mese poi, in un’ulteriore riunione, programmiamo le successive iniziative in agenda. Sosteniamo, con il nostro operato, le famiglie del rione intrattenendo, con attività laboratoriali, i bambini e gli adulti di Castagneto sia al chiuso che all’aperto. Siamo anche su Facebook con la pagina ‘Il Tiglio di Castagneto’».
Quante persone compongono “Il Tiglio”?
«Siamo 30 soci (capo famiglia) e 30 soci sostenitori, profondamente motivati. Veniamo supportati attivamente nella realizzazione delle nostre molteplici attività da un centinaio di persone».
Di cosa vi occupate?
«L’associazione culturale è vivamente legata al territorio di Castagneto. Realizziamo animazione, doposcuola, attività ricreative e religiose. Collaboriamo con l’onlus  di disabili fisici adulti ‘Il Germoglio’ mediante attività di sensibilizzazione. Organizziamo la festa patronale in sinergia con il validissimo parroco di Vetranto, don Giuseppe Ragalmuto creando nuovi percorsi per giovani e giovanissimi. Abbiamo un laboratorio denominato ‘Le piccole pesti’ in cui seguiamo venti bambini realizzando attività teatrali, ludiche e creative».
La vostra associazione propone interessanti attività di supporto anche per i meno giovani…
«Esattamente. Organizziamo, partite, tornei e tanti, tantissimi momenti ricreativi. Programmiamo gite sia a carattere religioso come a San Giovanni Rotondo, o prettamente di svago e culturali come a Edenlandia, Carnevale di Putignano, Presepi Napoletani, Grotte di Pertosa, Certosa di Padula, Roma ed i musei Vaticani. Ogni anno poi, abbiamo tre appuntamenti fissi».
Quali?
«La tombolata natalizia ed il Carnevale per adulti e bambini, la via Crucis a cui prende parte l’intero paese ed una kermesse dal titolo ‘Castagneto: origini, usi e costumi della civiltà’, che a settembre 2012 raggiungerà la terza edizione e per la quale allestiamo le strade di Castagneto come una sorta di presepe vivente, mettendo in scena i mestieri del passato. Le ultime edizioni di quest’iniziativa sono state particolarmente apprezzate dal pubblico. In tanti, giovani ed adulti hanno preso parte all’evento».
Qual è il vostro sogno nel cassetto?
«Realizzare una via Crucis al centro di Cava de’Tirreni. I portici del borgo potrebbero essere, per noi, la location perfetta».

Come l’albero del Tiglio dalle radici profonde e dalla grande longevità, questo straordinario sodalizio accompagna oggi ed accompagnerà in futuro non solo la gente di Castagneto ma anche l’intera collettività cavese perché, ogni singola associazione contribuisce, nel suo piccolo, alla crescita umana, culturale e sociale del suo territorio.
Foto

Lara Adinolfi

 
Lascia la tua opinione 
E-mail: (L' e-mail non sarà resa pubblica.)    
Autore:  
Commento:
Accetta condizioni: Leggi le condizioni
Digita il codice che visualizzi:    



Cava de'Tirreni vista verso Monte Finestra (Monte Pertuso) m. 1140, webcam ceramichecorinaldesi.com (da campaniameteo.it)
 Aggiorna Ingrandisci streaming

A partire da venerdì 7, fino a lunedì 9 settembre 2019, a Scala (Sa), il più antico Comune della Costiera amalfitana, si svolgerà la XVI edizione di “Scala incontra New York”, la rassegna culturale internazionale organizzata insieme alla Regione Campania.

L’edificio ha destato grande interesse da parte degli archeologi, proprio per la sua posizione privilegiata rispetto al grande tempio greco a cui doveva collegarsi in relazione ai rituali che si svolgevano nel santuario meridionale.

Nuovi marciapiedi per il tratto di statale amalfitana a ponente della città. Un percorso che parte poco a monte del centro storico, in direzione Positano, molto amato dai turisti perché si affaccia sul panorama bellissimo dell'Antica Repubblica Marinara, del cuore antico della città abbracciato dal blu del Mar Tirreno.

Un’intensa giornata dedicata alla sfogliatella Santarosa e una prestigiosa giuria di eccellenza per la settima edizione del Santarosa Pastry Cup.


Amalfi e New York si intrecciano e diventano un tutt'uno musicale per la seconda serata della rassegna “Amalfi in jazz”. In piazza Duomo, all'ombra della suggestiva cattedrale di Sant'Andrea, il venerdì alle ore 22.30


E’ un evento diffuso a livello nazionale promosso da tutti i comuni appartenenti al brand “I borghi più belli d’Italia” che prevede la riscoperta di antichi miti e legende locali assieme alla rivisitazione di antiche usanze e tradizioni che rendono più che mai attrattiva e fascinosa l’Italia nascosta. Conca dei Marini racconta una propria antica legenda: le janare. 

«I volti di Dio. Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo», questo il filo conduttore che animerà il dibattito degli incontri della XXIV edizione di Positano 2016 Mare, sole e cultura, la rassegna letteraria presieduta da Aldo Grasso, che sarà ospitata a Positano dal 18 giugno al 15 luglio 2016. 


Il cavallo alato vola sul traguardo, dopo quattro anni l’equipaggio azzurro torna sul podio più alto: è il galeone di Amalfi a vincere, in casa, la 61a Regata storica delle antiche Repubbliche marinare italiane. La festa esplode alle 18.30 circa, in un nuovo avvincente Palio deciso negli ultimi 500 metri. Foto

Intercettati dalla sezione operativa navale della Guardia di finanza due pescherecci intenti ad eseguire attività di pesca illegale mediante l’uso di reti da posta derivanti: uno dei due pescherecci, in particolare, è stato sorpreso durante le operazioni di recupero di una rete da posta derivante del tipo cosiddetto “spadara”, della lunghezza di oltre 6 km.

Fortunato Della Monica è il nuovo sindaco di Cetara. La sua candidatura insieme alla lista “Cetara d’Amare” - composta da Angela Speranza, Luigi Carobene, Alfonso D’Emma, Daniele D’Elia, Domenico Di Crescenzo, Carolina Ramerino, Francesco Pappalardo, Luigi Massimo, Luigi Montesanto e Marco Marano - ha vinto le elezioni a Cetara con 1.180 voti a favore, contro i 185 dell’avversario Vincenzo Piscino, della lista “Democrazia per Cetara”.
 

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share
2015-10-30 11:25:54