Trascinata da uno scatenato ed immenso Claudio De Rosa, la Cavese supera per 2-0 al Simonetta Lamberti un’arcigna Arzanese, scesa in campo col chiaro intento di portare via almeno un punto. Solita prova tutta cuore della squadra metelliana, nonostante in settimana fosse arrivata l’ennesima notizia negativa con la penalizzazione di un ulteriore punto in classifica per vicende legate alla vecchia società. 

Accompagnata da circa duecento tifosi al suo seguito, la Cavese esce immeritatamente sconfitta per 2-1 dal ”Fanuzzi” di Brindisi dopo una partita giocata a testa alta e dopo essere passata per prima in vantaggio. Dopo questo incontro la Cavese vede allontanarsi la zona play off, anche se il problema principale in questo momento è la soluzione della crisi societaria ancora irrisolta. 

Vince 3-1 la Cavese dell’autogestione, superando al Simonetta Lamberti un Pomigliano in piena lotta per non retrocedere. Dopo la consegna del titolo al sindaco e in attesa di proposte d’acquisto per scongiurare l’ennesimo fallimento, grande è stata la risposta della squadra, che con una prestazione convincente ha liquidato la pratica Pomigliano di fronte a circa 1500 entusiasti tifosi tutti assiepati in tribuna nel segno dell’unità di intenti.

Il socio della Usd Cavese 1919 srl, Riccardo Tanimi, ha consegnato al sindaco Marco Galdi un documento a firma sua, di Giovanni Monorchio, Andrea Vertolomo e Gianluigi Lippiello che attestava la consegna del titolo sportivo della Usd Cavese 1919 srl nelle mani del primo cittadino di Cava de' Tirreni. Da ora sarà possibile intavolare una serie trattative per un avvicendamento societario.

Dopo una settimana trascorsa più alla ricerca di campi dove allenarsi che non alla vera e propria preparazione tecnica ed atletica, a causa del perdurare della crisi societaria, la Cavese subisce la terza sconfitta esterna consecutiva e questa volta a beneficiarne è la squadra lucana del Francavilla che vince meritatamente per 3-1. Voci delle ultime ore dicono che i maggiori azionisti della Cavese consegneranno il titolo nelle mani del sindaco

Comincia male la settimana post Scafatese e di preparazione alla gara di Francavilla in Sinni, dove domenica prossima la Cavese è attesa da un’altra partita fondamentale per conquistare i punti per i play off o se, perdurando lo stato di crisi societario, potrebbero risultare importanti in chiave salvezza.

Dopo un’altra settimana di caos, scandita da comunicati stampa via web, denunce e smentite e che ha portato ad una insanabile frattura tra quel che resta della società e l’intero staff tecnico, la Cavese ha superato al “Simonetta Lamberti” la Scafatese per 3-0, dimostrando la squadra in questo modo grande professionalità e fortissimo attaccamento alla maglia blufoncè.

Grande serata all’insegna della musica italiana d’autore per la rassegna “Buio al Marte” presso la mediateca Marte di Cava de’ Tirreni, che si è aperta sabato 28 febbraio con il cantautore romano Luca Barbarossa, accompagnato dall’amico di sempre il chitarrista Mario Amici e da Beppe Basile alle percussioni, per un concerto acustico davvero molto bello.

“La scelta di schierare i calciatori De Rosa e Manzo, il primo capitano - bandiera e capocannoniere della squadra l’altro difensore con il più alto rendimento in organico -, è dettata esclusivamente da motivi tecnici. ...".

Continua il braccio di ferro tra la squadra e lo staff tecnico della Cavese nei confronti della società. Dopo alcune interviste rilasciate nei giorni scorsi, di cui l’ultima di Claudio De Rosa, che aveva parlato di società inesistente, aveva destato un certo scalpore, ora è la volta di un comunicato ufficiale in cui vengono chieste chiarezza e certezze per il futuro alla società.

Dopo una settimana di polemiche extra calcistiche in seno alla società tra dirigenti e calciatori, la Cavese esce sconfitta per 2-1 dal “Giovanni Morra” di Vallo della Lucania. La battuta d’arresto subita ad opera del Gelbison ha significato per gli aquilotti anche fare un passo indietro in classifica che oggi, in virtù dei risultati arrivati dagli altri campi, li vede al sesto posto e al momento quindi fuori dal discorso play off.

Nonostante il corposo costo dei nuovi cestini che finalmente hanno trovato collocazione lungo il nostro centro cittadino (tralasciando il bando ed i tempi lunghi per la realizzazione) abbiamo riscontrato che diversi cestini presentano, a distanza di poche settimane dalla “messa in opera”, preoccupanti chiazze di ruggine dovute alle piogge.

Attesa al riscatto dopo il mezzo falso interno contro la Puteolana, la Cavese supera il Bisceglie per 1-0 nella seconda partita casalinga consecutiva, riproponendosi prepotentemente nella corsa verso i play off. Infatti con questa vittoria gli aquilotti agguantano gli stessi pugliesi al quarto posto in classifica.

Un San Valentino all’insegna della cultura e della lettura. L’iniziativa proposta dall’assessorato alle Attività produttive, retto da Antonella D’Ascoli, prevede per il 14 febbraio 2015 lungo il corso principale cittadino una serie di punti di promozione dell’interesse alla lettura e l’amore per il libro, attraverso il riutilizzo di libri usati, che potranno essere scambiati con altri anche nuovi messi a disposizione dalle associazioni e aziende che hanno aderito alla manifestazione.

Il metodo "Greenopoli" fa tappa all’istituto comprensivo Cava T. Trezza-Carducci di Cava de’ Tirreni. L'appuntamento è per il 14 febbraio e vedrà protagonisti i bambini della scuola primaria dell’Istituto ed una classe della scuola secondaria.

Il comitato per il Sacrario militare di Cava si adopera per far tornare a Cava de’ Tirreni le salme di Carmine Siani e di Luigi Baldi che riposano ancora ad El Alamein in Egitto perché non rientrarono in Italia, una decina d’anni fa, per difficoltà burocratiche. Inoltre il comitato ha manifestato la volontà di richiedere i resti mortali di un altro militare: Falcone Fioravante di Giuseppe da Livorno.

La città di Cava de’ Tirreni è stata raggiunta, come era stato anticipato dall’allerta meteo dei giorni scorsi, da una tempesta polare che nel cuore della scorsa notte ha fatto numerosi danni e ha visto impegnati tutti gli uomini della protezione civile metelliana sul campo per ridimensionarne la pericolosità per la pubblica incolumità.

Autentico karakiri della Cavese che, nella sfida casalinga contro la Puteolana ultima in classifica e in vantaggio di due reti alla fine del primo tempo, è riuscita nella non facile impresa di farsi raggiungere nel secondo rischiando addirittura poi di perdere nei minuti di recupero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Presentato al Palazzo di città di Cava de' Tirreni, l'ultimo libro della prof.ssa Lucia Avigliano: "Passeggiate sulle orme di Paolina Craven" "gli itinerari d'ambiente" con una prefazione di Federico Guida.


L’obesità e il sovrappeso, dal punto di vista corporeo e metabolico, si presentano come condizioni caratterizzate dall’eccesso di grasso corporeo. Ma per comprendere queste patologie in maniera approfondita dobbiamo partire dal presupposto fondamentale che corpo e mente sono strettamente collegati, e quindi l’obesità e il sovrappeso vanno letti anche come condizioni in cui il cibo diventa un mezzo per gestire le emozioni problematiche, situazioni di disagio, insoddisfazioni personali, relazioni sociali, familiari e tutto ciò che risulta difficile da affrontare.


Solitamente quando si parla di “carenze nutrizionali” si immagina che siano una condizione tipica dei paesi del Terzo Mondo. Tuttavia questa associazione mentale è del tutto sbagliata: la “sideropenia” (deficit di ferro), è la più comune carenza nutrizionale ed è all’origine del 50% dei casi di anemia in tutto il mondo, quindi anche nei paesi industrializzati. "Da lunedì mi metto a dieta!", di Viviana Valtucci e Mario Russo, dietisti e nutrizionisti

Cari lettori, eccoci giunti in un periodo dell’anno molto bello e atteso da grandi e piccini: il Natale! Tutto intorno è luci, fiocchi, regali e spiritualità (o almeno per quest’ultima voce ce lo auguriamo). Ecco tante idee e spunti per rallegrare le tavole imbandite a festa con bellissime portate gustose e scenografiche, preparare dei segnaposti semplici e di effetto, e idee regalo di pietanze genuine “fai da te” per venire incontro alla crisi senza rinunciare allo scambio dei doni! di Viviana Valtucci e Mario Russo, dietisti e nutrizionisti


In uno studio recente condotto dalla Micol (Multicentrica italiana colelitiasi), su un campione di popolazione italiana di 30.000 soggetti, una persona su quattro soffre di calcoli alle vie biliari.
Anche volendo fare un’indagine su parenti e conoscenti vi accorgerete che la presenza di calcoli, soprattutto alla colecisti, è molto frequente. di Viviana Valtucci e Mario Russo, dietisti e nutrizionisti


Passione, competenza ed altruismo. Tre  semplici parole per definire una donna speciale: Beatrice Sparano, che vive il suo lavoro in biblioteca come una missione.  Una passione nata quasi per caso quando, da docente, a metà degli anni ’80, viveva a Iesi. Folgorata sulla “via di Damasco”, Beatrice scopre che la sua vita sarà indissolubilmente legata al mondo dell’archivistica e della paleografia. «Tornata a  Cava nel 1986 – racconta Beatrice - iniziai a lavorare nella biblioteca francescana con padre Serafino e, nel 1992, approdai alla biblioteca comunale di Cava de’ Tirreni». di Lara Adinolfi


Se pensate all’autunno quale piatto vi viene in mente e stuzzica il vostro palato? Per molti le temperature più basse che fanno capolino richiamano alla memoria le calde zuppe, che riscaldano con velocità e ci fanno ricordare scenari familiari e un senso di amorevole accoglienza. Le nostre zuppe preferite sono quelle preparate con i legumi, ed è proprio di questi spettacolari elisir di salute che oggi vogliamo parlarvi. Per anni i nostri avi ne hanno mangiato in grandi quantità in sostituzione dei più costosi carne e pesce, tanto che i legumi si sono meritati giustamente il soprannome di “carne dei poveri”. Ancora oggi i legumi rappresentano una validissima alternativa nella dieta di chi sceglie di intraprendere uno stile di vita vegetariano, proprio come sostituti di tutti i prodotti di origine animale, notoriamente ricchi di proteine. di Viviana Valtucci e Mario Russo (nella foto sopra: La farinata di ceci)


Molto spesso per strada, al bar, a casa di parenti ed amici, in ufficio o al supermercato ci fermiamo a parlare con altre persone e c’è un argomento che vince su tutti: il cibo. “Questo non lo posso mangiare” o “Da domani sono a dieta” o “Questo fa ingrassare” sono le frasi più comuni che sentiamo pronunciare. E non è raro che a queste frasi venga aggiunto: ho la glicemia un po’ alta oppure la pressione arteriosa un po’ alta oppure ancora devo allargare la mia cintura e fare un altro buco. E allora, cosa succede? Come mai soprattutto dopo aver superato l’età di 50-60 anni iniziano a sorgere queste difficoltà? Probabilmente si tratta della cosiddetta sindrome metabolica! Da lunedì mi metto a dieta! di Viviana Valtucci e Mario Russo


Ecco alcuni consigli a parenti e amici di persone che soffrono di un disturbo alimentare. Se proviamo a metterci nei panni di chi è a contatto tutti giorni con questa realtà in qualità di conoscente, amico, parente, non è difficile sentire sin da subito un grande peso: pur non essendo direttamente colpiti in prima persona, si soffre e si avverte l’ insopportabile macigno dell’”essere impotenti”, inadeguati, troppo piccoli di fronte ad un subdolo e potente disturbo. Il nostro primo consiglio è quello di non troncare mai la comunicazione con chi ha un disturbo alimentare o con chi pensate possa soffrirne: Da lunedì mi metto a dieta! di Viviana Valtucci e Mario Russo


Vi è mai capitato di svegliarvi durante la notte, di non riuscire ad addormentarvi e di alzarvi per mangiare. Questo tipo di comportamento è meglio noto come sindrome da alimentazione notturna. La sindrome da alimentazione notturna è l’associazione tra un disturbo del comportamento alimentare, un disturbo del sonno e un disturbo dell’umore. Ecco una guida semplice e utile alla comprensione della sindrome da alimentazione notturna che è una patologia molto complessa dalla quale non si guarisce in maniera spontanea e autonoma. Da lunedì mi metto a dieta! di Viviana Valtucci e Mario Russo

Commenti e forum
La redazione diffida chiunque ad usare in modo distorto il "Forum" e lo spazio "Commenti" e non si ritiene responsabile per nessuna delle frasi che verranno pubblicate su di essi. CavaReporter non assume alcuna responsabilità per i contenuti che vengano immessi in queste aree in quanto non è nella possibilità di esercitare un controllo sugli stessi (ex artt. 14 e 15 Direttiva 2000/31/CE). Tuttavia, chiunque dovesse riscontrare dei comportamenti illeciti, è pregato di contattarci all'indirizzo e-mail info@cavareporter.it oppure telefonare al 349-8110809. Sarà cura di CavaReporter rimuovere immediatamente i detti contenuti illeciti.
Social
FaceBook Twitter YouTube Share